Politica

Emergenza rifiuti a Ragusa, Migliore (Lab 2.0): “Il sindaco si prenda la responsabilità di mantenere la discarica aperta”.

“Ho appreso che durante un incontro tra l’assessore regionale alle Politiche ambientali e i componenti della Srr, di cui è socio anche il Comune di Ragusa, si è discusso dell’emergenza rifiuti cheap China Jerseys che da qui a qualche giorno scoppierà in provincia di Ragusa e, in particolare, del passaggio del commissariamento dell’Ato in capo al già commissario straordinario del Libero Consorzio di Ragusa, dr. Dario Cartabellotta, al quale, su indicazione dello stesso assessorato, spetterebbe il compito di emettere un’ordinanza di contingibilità e urgenza per consentire alla discarica di Cava dei Modicani di continuare a ricevere i rifiuti per altri 18 mesi”.
Lo annuncia il consigliere del Comune di Ragusa ray ban outlet Sonia Migliore, del Laboratorio politico 2.0, che aggiunge: “In seguito a 10 tale incontro, si wholesale nfl jerseys è saputo che se ne è svolto un altro questo giovedì mattina in Prefettura dove, sostanzialmente, si è assistito a un rimpallo di competenze e responsabilità tra i vari soggetti presenti a causa del quale pare che il commissario Cartabellotta abbia deciso di prendere tempo. Inutile dire che emettere quell’ordinanza sarebbe una soluzione, seppur temporanea, utile a concedere il tempo di realizzare la quarta vasca della discarica, scampando il pericolo di dover conferire i rifiuti fuori dalla provincia di Ragusa con il prevedibile aggravio economico per le tasche dei ragusani. Bene, se quanto riferito risultasse vero, considerato che questo non ci sembra proprio il momento di ‘prendere tempo’, hockey jerseys rivolgiamo l’invito al sindaco di Ragusa Fedirico Piccitto di emanare l’ordinanza di contingibilità e urgenza al posto di Cartabellotta”.
“La legge prevede – spiega Migliore – che queste decisioni possano essere prese dal presidente della Provincia (in questo caso il commissario straordinario), dal sindaco e dal presidente della Regione. Tralasciando di voler interpellare Crocetta, sicuramente impegnato in altri problemi, e preso atto che Cartabellotta temporeggia, per il sindaco di Ragusa è giunto il momento di preoccuparsi davvero della propria città e assumersi la responsabilità di una scelta amara, ma necessaria. Contestualmente il primo cittadino dovrebbe prevedere il reintegro del progetto per la quarta vasca a Cava dei Modicani all’interno del Piano Triennale delle Opere pubbliche in modo che, insieme al programma per la differenziata spinta, la nostra città possa diventare nuovamente indipendente sul piano del conferimento dei rifiuti”.
“Non c’è tempo da perdere – conclude Migliore – Piccitto dimostri cheap oakleys di amare la sua città e io lo sosterrò in questa decisione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.