Cultura

A Gela è emergenza rifiuti

A Gela, l’Ato Ambiente Cl2, la societa’ che gestisce il servizio di nettezza urbana, “non puo’ garantire alcun servizio essenziale, nemmeno la raccolta dei rifiuti negli ospedali, nella raffineria, nelle scuole, negli asili, con grave danno per la collettivita’”. Alcune classi delle elementari, rimaste sporche, sono state chiuse oggi per il mancato arrivo dei bidelli che abitano in altri comuni. A denunciarlo e’ Giuseppe Panebianco, commissario liquidatore della societa’ d’ambito. “Non e’ possibile – spiega – trasferire il percolato della discarica di Timpazzo nell’impianto di trattamento nel petrolchimico di Gela. Tale disservizio sta causando un accumulo nella vasca principale con rischio di sversamento del prodotto che e’ altamente inquinante”. Panebianco ha inviato una nota al prefetto di Caltanissetta, al governo regionale, al sindaco e alle forze dell’ordine, con la quale denuncia il “grave stato di emergenza igienico-sanitario e ambientale” venutosi a determinare a causa dei blocchi alle porte della citta’ che impediscono il conferimento dei rifiuti in discarica. La raccolta dell’immondizia e’ bloccata da quattro giorni. Il sindaco Angelo Fasulo ha lanciato “un appello al buon senso dei manifestanti affinche’ garantiscano il normale svolgimento dei servizi essenziali” ( fonte Agi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.