Cronaca

Dalla Sicilia all’ Italia

  Gli organi di informazione impazziscono e non riescono a stare dietro all’aumento dei punti di concentramento che sorgono spontaneamente dal nord al sud della nostra penisola. Se per dare notizia dei blocchi siciliani ci sono voluti tre giorni, sono bastate 24 ore per fare emergere quanto sta accadendo nel resto d’italia.  Ai presidi organizzati si aggiungono spontaneamente altri autotrasportatori invitati dai loro colleghi man mano che essi transitano nelle località interessate dai blocchi. Un elenco aggiornato delle tratte che sono bloccate dai presidi dei camionisti è disponibile sul sito del Trasporto Unito, il sindacato unitario che organizza la protesta. La mobilitazione è iniziata da ieri sera: “A Nola, Palma Campania e sulla Statale 7bis, il blocco al traffico e’ stato fatto con una cinquantina di tir e un centinaio di persone. Gia’ da ieri sera, nel nolano, c’era stato un primo raduno di mezzi, poi in nottata e’ maturata la decisione del blocco. Sul posto la polizia”. Anche per raggiungere il porto di Napoli ci sono disagi, e dalla Campania la protesta sale al Lazio: “La protesta dei tir sbarca nel Lazio e crea i primi disagi al traffico sull’A1 nel tratto Roma- Napoli. Lo sciopero scattato la scorsa notte ha portato alla chiusura dei caselli di Frosinone e Anagni dove gli autotrasportatori hanno organizzato presidi. Tir e camion fermi anche nei pressi dei caselli di Ceprano, Cassino e San Vittore nel Lazio. Sull’A1 in Ciociaria gia’ si registrano le prime ripercussioni negative per la circolazione, cosi’ come lungo la Casilina”.Sono numerosi i disagi causati in Puglia dallo sciopero dei camionisti che hanno fermato i tir in prossimita’ degli svincoli di entrata e uscita dell’autostrada A/14 e A/16 e delle principali strade statali. In particolare, sulla tangenziale di Bari ci sono lunghe code in prossimita’ degli ingressi in citta”.Al nord la situazione non è migliore, con grossissimi disagi soprattutto presso Bergamo, dove i volantinaggi degli autotrasportatori hanno mandato il traffico in tilt.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.