Cultura

Convegno insegnanti religione cattolica

Nuove Indicazioni per l’Insegnamento della religione cattolica nell’area antropologica: Educare nel nostro tempo tra inquietudini, attese e speranze: è questo il tema del convegno regionale dei docenti di religione della Sicilia in programma il prossimo 27 gennaio 2012 a Ragusa, ed organizzato dall’ADR , associazione nazionale dei docenti di religione accreditata al MIUR come ente di formazione, in collaborazione con lo Snadir, il Sindacato nazionale degli insegnanti di religione.
L’appuntamento darà l’opportunità ai docenti di confrontarsi sulle Nuove Indicazioni per l’IRC emanate dal MIUR d’intesa con la CEI, in ordine all’area antropologico-religiosa, nonché di acquisire strumenti per tradurli in percorsi educativi di formazione degli studenti.
I lavori del convegno, che si svolgerà dalle  8,30 alle13,30 presso il Liceo Scientifico “E. Fermi “ di Ragusa, si apriranno con i saluti di Giuseppe Cugno Garrano, direttore dell’Ufficio Irc della Diocesi di Ragusa, e da Marisa Scivoletto,segretario provinciale dello Snadir ibleo.
Relatori del convegno saranno il Dott. Andrea Sales, docente di psicologia clinica e direttore generale del centro Paradoxa di Treviso, che affronterà il tema “dell’educare nel nostro tempo” puntando l’attenzione sulle emergenze educative che interessano la scuola, mentre il prof. Enrico Vaglieri, counselor in analisi transazionale, si soffermerà sul tema “l’Irc e l’educazione all’ascolto: strategie didattiche e metodologiche per la gestione della classe”. A chiudere i lavori sarà il prof. Orazio Ruscica, segretario nazionale dello Snadir, che affronterà alcune problematiche giuridiche legate all’insegnamento della religione nella scuola.
“Questo convegno regionale – afferma il prof. Domenico Pisana, Direttore del Convegno, si inserisce nel quadro delle Nuove Indicazioni CEI-MIUR per l’IRC e intende fornire ai docenti le competenze didattiche e metodologiche più innovative per affrontare le sfide educative che attraversano la scuola, puntando su una didattica capace di valorizzare l’ascolto e le relazioni interpersonali, e di cogliere le inquietudini e le domande di senso degli studenti del nostro tempo. Lo scopo fondamentale dell’iniziativa – spiega Pisana, è anche quello di individuare strumenti e strategie educative perché l’Irc possa dare, nel quadro delle finalità della scuola, un serio contributo alla definizione dei processi educativi di formazione umana e sociale della persona”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.