Attualità

Si dimette il presidente del Polo Commerciale Modica

Modica, 3 marzo – Il presidente Del Polo Commerciale Modica, Girolamo Carpentieri, rassegna le dimissioni.

Lo fa inviando una nota alla stampa: «A sei anni dalla nascita del Polocommerciale e dall’inizio della mia impegnativa, intensa ed entusiasmante esperienza di Presidente, mi accingo a lasciare l’incarico per ragioni strettamente personali, connesse all’aumento degli impegni professionali che non mi consentirebbero più di garantire una presenza costante e un’attenzione vigile come ho cercato di garantire fino ad ora. Rispetto alla voglia e all’orgoglio di continuare a guidare il Polocommerciale in questa nuova fase, segnata dallo start-up del Centro Commerciale Naturale Polocommerciale, prevale oggi in me il senso di responsabilità che mi impone di fare un passo indietro e lasciare il testimone a qualcuno che possa affrontare questo delicato passaggio con l’impegno che richiede.

 Consolidata con grande autorevolezza l’identità del Polocommerciale come soggetto fortemente presente sul territorio, come organizzazione davvero in grado di catalizzare le migliori energie del mondo imprenditoriale locale e di interloquire con le istituzioni così come con tutte le organizzazioni di categoria, servono oggi contributi nuovi ed energie fresche, da investire nel rilancio della nostra area commerciale.

 

 Siamo tutti consapevoli che il momento che stiamo attraversando è il più duro da quando è iniziata l’avventura imprenditoriale della nostra generazione, ma di fronte a questo voglio lasciare la guida del Polocommerciale ricordando a me stesso e ai colleghi che condividono con me questo percorso, che proprio quest’esperienza ci ha insegnato che l’unione davvero può fare la forza.

 Nel 2006, all’inizio del mio mandato, avevamo davanti la sfida difficilissima di tenere il fronte della nostra idea di impresa – quella radicata nei valori e nella tradizione commerciale di questa terra – di fronte all’avanzata della grande distribuzione in Provincia di Ragusa. Vale la pena di ricordare, sei anni dopo, che grazie alla nostra tenacia e alla nostra lungimiranza, quel fronte lo stiamo tenendo ancora e le nostre idee si stanno rivelando comprese e condivise dai nostri clienti, a cui ci siamo saputi proporre come punto di riferimento per la qualità dell’accoglienza prima ancora che dei prodotti.

 Con lo stesso atteggiamento, sobrio, equilibrato, positivo e propositivo, abbiamo affrontato tante altre sfide e ci siamo intestati battaglie per la crescita e lo sviluppo del territorio, a cominciare da quella per la riqualificazione della nostra area commerciale: anche grazie alla nostra costante interlocuzione e – laddove è stato necessario – alla nostra pressione all’Amministrazione comunale, l’anno scorso ha finalmente visto la luce la più importante opera infrastrutturale che questa Città abbia visto negli ultimi anni, progettata dalla precedente Amministrazione, ovvero la riqualificazione del primo tratto dell’asse viario del Polo, con i lavori del Contratto di Quartiere. E non abbiamo smesso – e mi auguro non smetteremo – di esercitare lo stesso ruolo per ottenere un pari risultato per il secondo tratto.

 Di contro, siamo stati consapevoli che il ruolo di protagonismo che esercitiamo sul polmone commerciale della Città, comportava per noi delle responsabilità: continuamente ci siamo fatti carico del decoro di quest’area, ci siamo occupati della cura delle aree a verde, ci siamo preoccupati di animare il Polo con eventi e occasioni di socializzazione, come la “Maratonina Nino Baglieri” e la prima edizione di “Naturalmente al Polo” per il giugno modicano.

Più in generale, abbiamo effettivamente condotto una forte azione di lobby che ci ha portati presidiare sempre il territorio: penso ai lavori della rete idrica e al coordinamento dei lavori stradali, alle azioni di lotta contro le ingerenze della Wind, all’accoglienza dei nuovi operatori, alla selezione dei fornitori comuni allo scopo di difendere sempre tutti gli operatori, oltre che di servire al meglio i clienti.

 Da ultimo, abbiamo condiviso l’esperienza del Movimento dei Forconi, che ha presidiato la nostra area con il proprio presidio. Senza bisogno di ritornare sul ruolo responsabile che ancora una volta abbiamo dimostrato di saper assumere in questa occasione, voglio però ricordare con piacere e con soddisfazione la nostra capacità di essere uniti  e di avere al nostro fianco anche i nostri collaboratori: trovarceli accanto, in centinaia, mentre presidiavamo il Comune di Modica, è stata un’esperienza che difficilmente potrò dimenticare e che mi ha davvero insegnato quanti risultati si possono ottenere, dal punto di vista umano prima ancora che professionale, con la forza della coerenza, della serietà e del rispetto.

 Anche quest’episodio mi ha confermato che l’intensità dei rapporti umani che ci legano è un collante preziosissimo, in special modo in un tempo di crisi, e che abbiamo fatto bene a elevarlo al grado di stile direzionale delle nostre imprese: la formazione, la comunicazione, la presenza stessa di un “manuale” che racchiude la nostra “Carta” dei valori e dei servizi, traducono la nostra ricerca costante della sostenibilità, sia per le imprese che per i dipendenti.

 

 Sono questi tutti i semi di un lavoro che oggi richiede un nuovo sforzo di partecipazione e di azione.  Oggi, il risultato dell’accreditamento del Consorzio Centro Commerciale Naturale Polocommerciale, segna il passo dell’età matura della nostra esperienza: dodici anni, peraltro, sono un patrimonio culturale che nessun altro CCN ha oggi in Sicilia, e forse nemmeno in Italia, e che è costato centinaia di migliaia di euro a chi ha investito su un patrimonio intangibile che in altri sistemi economici e commerciali solo oggi si sta cercando di creare. Questo non solo dà maggiore autorevolezza alla nostra realtà commerciale rispetto al territorio regionale, ma ci offre anche grandi opportunità di attingere ai fondi messi a disposizione dai bandi della Regione siciliana sia per le nostre attività che, soprattutto, per il nostro ambito urbano nel suo complesso. Questo vuol dire ulteriori occasioni di crescita, valorizzazione, promozione.

 

 Concludo questa straordinaria avventura, che mi ha arricchito profondamente e  che ho cercato di vivere sempre con dignità e rispetto nei confronti di tutti, ringraziando l’Assemblea del Consorzio che mi ha dato fiducia in questi sei anni, i componenti dei vari CdA che si sono rinnovati, il nuovo Direttivo del CCN, le nostre preziose collaboratrici Marisa Giunta e Sara Di Pietro.

Auguro al futuro Presidente, a cui non farò mancare il mio supporto, di trovare tutta la forza necessaria a guidarci in questo non facile passaggio, nella consapevolezza di avere alle spalle un gruppo di Imprenditori con la “I” maiuscola, che mi permetto di considerare – a ragion veduta – i migliori della nostra Provincia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.