Attualità Comiso

8 marzo, a Comiso una casa-famiglia per donne in difficoltà

Una casa pensata per dare un rifugio e una famiglia alle donne maltrattate e in difficoltà: è la struttura di accoglienza “Io sono con te” a Comiso, nel Ragusano, l’unica presente nel territorio, nata a maggio dello scorso anno per volere della Diocesi ragusana e in risposta a una domanda precisa, come racconta il vescovo e direttore della Caritas, monsignor Paolo Urso: “Come possiamo sostenere persone che vivono situazioni di disagio, soprattutto donne che sono o non sono in attesa di bambini e da lì è nata l’idea di creare una struttura che potesse donare soprattutto serenità”.In dieci mesi sono centinaia le donne italiane e straniere che nella casa di accoglienza hanno trovato affetto e protezione, come racconta la responsabile Mariuccia Fazzina: “Abbiamo un caso di una donna che ha vissuto violenze fisiche, ma è stata immersa in un mondo di prostituzione e c’è tutto un lavoro da fare per ricostruirla, perché spesso si sentono anche in colpa queste donne oltre che a subire”.Insegnare alle donne come preparare una torta, ad apprezzare le cose semplici, restituire una dignità: è il contributo che ogni giorno una decina di volontarie, con il supporto di medici e psicologi, offrono alle ospiti. Alla base una ricetta vincente: “Far sperimentare l’amore, l’amore gratuito che spesso non hanno mai avuto”.La famiglia e i valori della solidarietà e dell’amore bastano a volte a colmare il senso di oppressione e solitudine che rischia di imprigionare le donne che hanno subito violenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.