Cronaca Evidenza

Rapinata ieri sera a Modica Alta la gioielleria “Punto Blu”. Erano in quattro armati e con passamontagna

Si sono presentati in quattro, travisati con passamontagna scuro e pistole in mano. Hanno compiuto una rapina che ha fruttato loro un bottino di circa ventimila euro. Ieri sera, poco dopo le 18,30, è stata presa di mira la gioielleria “Punto Blu” di Corso Regina Margherita a Modica Alta. Al momento dell’irruzione dei malviventi c’erano il figlio della titolare, E.V., 35 anni, e un cliente. L’irruzione è stata accompagnata dalle classiche frasi utilizzate dai rapinatori. Due di loro impugnavano le pistole. Hanno rinchiuso i presenti all’interno del bagno e poi hanno arraffato tutto quanto è stato possibile, ovviamente gioielli, orologi e monili vari. I quattro malviventi, che parlavano in italiano ed avevano le stesse caratteristiche fisiche, si sono poi allontanati indisturbati, quasi sicuramente a piedi poiché il posto dove è ubicato il negozio offre parecchie soluzioni di fuga per le stradine adiacenti. Solo dopo alcuni minuti è stato lanciato l’allarme. Sul posto si è immediatamente portata una volante del Commissariato di Modica che ha raccolto gli elementi necessari per avviare le indagini. Sono stati allerterati gli altri Commissariati della provincia di Ragusa e dei comuni limitrofi e anche la Squadra Mobile. Le indagini sono svolte, dunque, a largo raggio. Il negozio non disponeva di telecamere per cui non c’è nemmeno la possibilità di potere ricostruire l’aspetto fisico dei delinquenti. Solo tanta paura per il giovane proprietario e il suo cliente. Il negozio non è nuovo a simili situazioni. Anni fa era stato il padre del giovane a subire un’analoga rapina. La vicenda si registra a quarantotto ore dalla rapina compiuta da quattro malviventi in una villetta di Contrada Raganzino nella vicina Pozzallo. In quell’occasione è rimasto ferito il figlio del proprietario e il bottino ammonta a circa centomila euro. La polizia sta valutando se si possa trattare dalla stessa banda oppure se si tratti di altri soggetti. Un fatto è certo: coloro che hanno agito ieri sera hanno dato l’impressione di essere dei professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.