Politica

La Regione non paga i docenti precari e li fa lavorare con contratti parasubordinati.

La Regione Sicilia per venire incontro (o almeno così era nelle intenzioni) agli insegnanti precari, lasciati senza cattedra a seguito della riforma Gelmini, ha attivato attraverso accordi Miur-Regione dei “Progetti Por”.

“E’ scandaloso – denuncia l’on. Orazio Ragusa – che diversi docenti lamentino il mancato pagamento dell’intero corrispettivo sia con riferimento alla prima annualità 2009/2010 svoltasi tra maggio-dicembre 2010, sia alla seconda annualità 2010/2011. Diverse scuole capofila di questi progetti, in questo modo, non hanno potuto corrispondere il saldo per l’attività svolta. L’Assessorato alla Pubblica Istruzione, le scuole capofila e l’Ufficio Scolastico Regionale si rimpallano le responsabilità, costringendo i lavoratori della scuola ad “elemosinare” ciò che gli spetta di “diritto”.
“Ritengo scandaloso – aggiunge Orazio Ragusa – che si usino insegnanti laureati e abilitati, in possesso di master e specializzazioni varie, facendoli lavorare con contratti parasubordinati all’interno della scuola pubblica, e addirittura non si corrispondano i previsti emolumenti”.

“Non si tratta certo di compensi particolarmente onerosi come quelli spesso previsti da vari incarichi di consulenza, perché in questo caso la retribuzione si aggira intorno a 14 euro per ora di lezione: l’equivalente di chi presta servizio di pulizia a domicilio”.
“Se in tempi rapidissimi la situazione dovesse rimanere senza soluzione sarò costretto a provvedere presentando specifiche Interrogazioni e Mozioni all’Ars per accertare le responsabilità si quanto accaduto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.