Politica

Raffaele Monte chiede più sicurezza per Pozzallo

Il candidato a sindaco di Pozzallo Raffaele Monte ritorna sul tema della sicurezza in città. “La comunità pozzallese, dichiara Raffaele Monte, continua ad essere vittima di episodi di criminalità che generano nella collettività forti sensazioni di insicurezza. La continuità dei furti negli appartamenti, nei locali commerciali, nei locali pubblici è diventata ormai una costanza, così come lo è il consumo di sostanze stupefacenti e gli atti vandalici. Ad allarmare maggiormente la collettività ha contribuito la rapina perpetrata qualche giorno fa ai danni di una nostra famiglia; la modalità del fatto ci rende inquieti e bisognosi di un maggiore intervento delle autorità competenti. Se poi consideriamo che con l’approssimarsi del bel tempo, il maggiore afflusso turistico ed i servizi di vigilanza agli extracomunitari al centro di accoglienza di Pozzallo, distrarranno le Forze dell’Ordine dal normale controllo del territorio, le nostre preoccupazioni aumentano. Chiediamo pertanto, prosegue Monte, anche se la nostra non è la voce ufficiale delle istituzioni, al Prefetto di Ragusa un intervento concreto, con la convocazione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per stabilire un piano coordinato di intervento, chiediamo inoltre un Suo impegno per chiedere al Ministro un incremento dei componenti la Stazione dei Carabinieri di Pozzallo, dal nostro punto di vista, in numero esiguo per poter affrontare al meglio una stagione estiva che vede nel mese di Luglio ed Agosto un incremento di presenze pari ad oltre il doppio della popolazione attuale. Auspico che un tema sentito come questo all’interno di una comunità come quella pozzallese possa essere attenzionato per prevenire una situazione che mese dopo mese diventa sempre più pesante. La Sicurezza è un diritto di ogni cittadino e tutelarla è obbligo delle istituzioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.