Attualità

Vendita ambulante ma senza licenza confiscati due quintali di frutta

Operazione contro l’abusivismo commerciale stamattina da parte del Nucleo Operativo di Polizia Annonaria della Polizia Locale. Su direttive dell’assessore al ramo Paolo Garofalo, e col coordinamento del comandante, Colonnello Giuseppe Puglisi, è stato eseguito un servizio di prevenzione e repressione di tali abusi. In questo contesto sono stati controllati due ambulanti, un catanese e un avolese, che erano intenti con i loro autocarri a vendere al pubblico, nel caso in specie ad automobilisti in transito, ortofrutta nella zona del Polo Commerciale, precisamente in Via della Costituzione all’altezza di Piazzale Bruno. E’ stato accertato che i due commercianti erano sprovvisti di autorizzazione alla vendita, trasgredendo, dunque, all’articolo 20 della Legge 18/95 sul commercio. Per tale motivo si è proceduto alla confisca della merce, circa due quintali tra pere, mele e patate e a sanzionare i due “abusivi” per 389,80 euro ciascuno. I prodotti sottoposti a confisca sono stati donati ad un istituto religioso di Modica che si occupa di assistenza alle famiglie meno abbiente. “Continuiamo ad esercitare controlli su tutti i fronti – spiega il Comandante Puglisi – per debellare l’abusivismo crescente nei vari settori. Di concerto con l’assessore Garofalo, che dal momento del suo insediamento ha chiesto di intensificare tali iniziative, stiamo cercando di produrre il massimo sforzo nonostante le carenze di organico che, chiaramente, limitano la nostra attività”. Gli accertamenti proseguiranno anche nei prossimi giorni nelle varie zone del territorio, dove stazionano i venditori abusivi. “Come avevo annunciato al momento del mio insediamento – sottolinea l’assessore Garofalo – intendiamo debellare questo abusivismo e riportare la legalità a Modica per garantire, tra l’altro, coloro che sistematicamente pagano le tasse per lavorare in piena adesione con le leggi, anche comunali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.