Cronaca Vittoria

I carabinieri setacciano il territorio di Vittoria

Controlli a tappeto da parte dei carabinieri per risalire agli autori della sparatoria a Punta Secca ma soprattutto per dare maggiore serenità ai cittadini. Un giovane, nel corso della notte, è stato segnalato, dai carabinieri della compagnia di Vittoria, alla prefettura quale assuntore di sostanza stupefacente. Il giovane è stato anche deferito in stato di libertà perchè, dopo vari accertamenti, è stato trovato alla guida del mezzo sotto l’effetto della droga. I carabinieri hanno anche elevato dieci contravvenzioni per  violazione del codice della strada, sequestrato due autovetture per mancanza di copertura assicurativa, decurtato quindici punti dalla patenti di guida e ritirato una patente. L’operazione di controllo del  territorio s’inserisce nell’attività disposta dal comando provinciale per poter dare una risposta ai cittadini sui recenti fatti di microcriminalità. Sono infatti state perquisite le case di diversi pregiudicati. L’operazione, dal 25 febbraio scorso al 19 marzo scorso, ha portato all’arresto di quattro persone, al sequestro di un laboratorio artigianale e di sei kili di marjiuana nel territorio di competenza dei militari della compagnia di Vittoria.  Nel corso dei controlli, con il supporto del nucleo elicotteristi di Catania, sono stati sequestrati una postola con matricola abrasa calibro 7.65, il caricatore con quattro cartucc e 18 cartucce a salve calibro 7.65 ed un bossolo esploso.  In c.da Macconi ad Acate i carabinieri hanno scoperto un laboratorio artigianale di armi, hanno sequestrato altre dtre  pistole a salve modificate con l’innesto di una canna d’acciaio per renderle offensive. Sono  state anche rinvenute due carabine ad aria compressa con canna e calcio ridotti per renderla occultabile e più potente.  Sequestrato anche un caricatore con sette cartucce compatibile con le pistole rinvenute. In una borsa in cucina erano ben nascosti circa 50 cartucce.  I carabinieri stanno cercando di rispondere alle richieste dei sindaci e del prefetto di Ragusa Giovanna Cagliostro per reprimere gli atti di criminalità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.