Attualità

L’ Acli, una risorsa per Scicli

Si è tenuto ieri sera, nei locali dell’ex camera del lavoro di Scicli, un confronto – dibattito sull’importanza del mantenimento dell’attuale sede di Piazza Busacca per la storica associazione.

L’Acli di Scicli appresa la notizia che dovrà lasciare l’attuale sede per trasferirsi in altri locali sempre all’interno di Palazzo Busacca, si è subito adoperata per cercare di trovare una soluzione alla problematica. La richiesta di trasferimento, infatti,  ha provocato il malumore del presidente Bartolomeo Donzella e del direttivo che, pertanto, hanno promosso il dibattito di ieri pomeriggio.

Il locale Acli, vista l’importanza della tematica dibattuta, ha registrato una presenza massiccia di tutti gli iscritti, i simpatizzanti e numerosi politici tra i quali i candidati sindaco di Scicli: Cannata, Susino, Padua, i quali si sono impegnati, qualora eletti, a risolvere la querelle.

Oltre agli aspiranti sindaco erano presenti l’on. Ammatuna e l’on. Drago ed altri esponenti della politica locale come segno tangibile dell’importanza della problematica . Il presidente Donzella, alla presenza dei presenti e del presidente Provinciale dell’ Acli Cavallo, ha tracciato lo storico impegno che la sede di Scicli, da sempre, promuove a beneficio del territorio, da qui la proposta di stringere un accordo con l’opera Pia Busacca, affinchè invece di chiudere l’attuale sede si possa pensare un percorso comune per potenziare i servizi. L’ Acli infatti è una risorsa territoriale talmente importante che non può chiudere la sua storica sede quasi cancellando con un colpo di spugna la storia che rappresenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.