Attualità Ragusa

Il Pd di Ragusa presenta odg in Consiglio per aderire a campagna Greenpeace

Il gruppo consiliare del Partito Democratico di Ragusa ha disposto un ordine del giorno da presentare in aula, in Consiglio comunale, per impegnare l’Amministrazione ad aderire alla campagna di sensibilizzazione di “Greenpeace” denominata “U mari nun si spirtusa” contro le concessioni petrolifere nel canale di Sicilia. Alla campagna hanno aderito diversi sindaci tra cui l’attuale primo cittadino di Palermo. “Le trivellazioni petrolifere nel mare – chiarisce il Pd nel documento – mettono a serio rischio le persone e l’intero ecosistema. Ogni anno vengono sversate in media tra le 100 e le 150mila tonnellate di petrolio (escluso incidenti) facendo così registrare la maggiore densità di catrame in mare aperto nel mondo. Solo in caso di danni ambientali gli impianti offshore sarebbero tenuti a pagare i danni e a predisporre la bonifica ambientale. Tra l’altro, un ecosistema come quello europeo, viste le condizioni geografiche esistenti, risentirebbe in maniera drammatica di un eventuale disastro petrolifero. Per le offshore non sono previste royalties da lasciare al territorio in quanto gestite direttamente dallo Stato centrale, al contrario delle perforazioni a terra, a cui il Pd di Ragusa non è contrario visto che hanno regalato anni d’oro e di sviluppo all’economia ragusana, lasciando al territorio ingenti somme di denaro (quest’anno circa 2 milioni di euro) da reinvestire per la collettività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.