Attualità Evidenza

Alla provincia iblea il record di consumi di carburante, Ragusa batte Belluno 441 a 275.

Alla faccia della crisi.

A Ragusa ogni abitante consuma 441 litri di carburante ogni anno, nella ricca Bologna 317, a Belluno 275, a Firenze 348,a Messina 289, a Trapani 248. Si potrebbe continuare dimostrando che la Provincia iblea, in fatto di consumo di benzina, non è certo parsimoniosa. I dati sono quelli ricavati dall’indice di discrepanza tra i livelli di reddito e benessere nelle province italiane forniti dal Centro Studi Sintesi di Venezia che ha stilato una classifica su base nazionale dei consumi di carburante nelle Città capoluogo di provincia italiane. I dati ci suggeriscono alcuni spunti interessanti: a Milano si riscontrano i redditi più alti ma senza tuttavia capire perché a Catania o Ragusa la percentuale di auto in circolazione – in rapporto agli abitanti – sia superiore del 15-20% rispetto al capoluogo lombardo. Infine, l’incrocio tra gettito Iva e entrate Irpef elegge Trieste, Bologna e Bolzano virtuose, mentre Ragusa, Catania e Crotone sono le più “incoerenti”.

2 thoughts on “Alla provincia iblea il record di consumi di carburante, Ragusa batte Belluno 441 a 275.”

  1. Suggerisco un ovvio motivo:
    i mezzi pubblici sono praticamente inesistenti a Ragusa (e in Sicilia) costringendo i più a procurare una macchina per sé e per ogni membro della propria famiglia.
    I carburanti sono un non imprevedibile strumento di combustione…

  2. Vogliamo anche includere il piccolo particolare che tutta la merce prodotta in provincia DEVE essere trasportata su gommato? avete preso in considerazione solo i consumi prodotti dagli autotrasportatori?
    Ed anche nel privato la verità è che al ragusano piace consumare ed inquinare. Niente treni, niente aerei, niente trasporti pubblici (vedasi AST che sta abbandonando il territorio) ma è una questione di mal costume e di incoerenza. Bell’articolo, complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.