Comunicati stampa Ragusa

TIRATA A LUCIDO VIA ROMA IN VISTA DELLA FESTA DEL PATRONO DI RAGUSA

Un servizio speciale di pulizia straordinaria è stato predisposto, nella notte appena trascorsa, dall’impresa ecologica Busso Sebastiano che gestisce il servizio di igiene ambientale sul territorio comunale del capoluogo ibleo. In vista dell’approssimarsi dei festeggiamenti del Patrono, San Giovanni, il sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale, e l’assessore all’Ecologia, Mario Addario, hanno chiesto alla ditta di procedere con la pulitura, attraverso speciali macchine idropulitrici, del nuovo basolato di via Roma, il cui cantiere, in via temporanea prima del completamento e in occasione del passaggio della processione per San Giovanni, è stato riaffidato al Comune. Gli operatori, sempre in periodo notturno, hanno inoltre provveduto a spazzare le aree di pertinenza della via Roma, adoperandosi altresì a rimuovere presenze indesiderate legate alla parziale smobilitazione del cantiere, in modo da garantire il passaggio della processione in tutta sicurezza. “L’intervento effettuato – afferma il responsabile dell’impresa ecologica, Maurizio Busso – è stato solo il primo di una serie di azioni del genere che già sono state programmate per garantire la piena fruibilità di via Roma in questi giorni così come nelle prossime settimane, quando ci sarà la consegna definitiva dell’opera. Abbiamo fatto in modo che i nostri mezzi, e per questo la decisione di intervenire durante le ore piccole, potessero operare senza creare intralcio alla circolazione veicolare e ci siamo attivati al meglio per tirare a lucido, per quanto possibile, l’intera arteria stradale interessata dai lavori. Il nostro intervento speciale ha avuto un obiettivo particolare: fare in modo che, almeno per i prossimi giorni, la via Roma possa essere pienamente fruita dai pedoni. L’azione condotta è stata, tra l’altro, specifica dovendo rispettare la composizione delle nuove basole per la pulitura delle quali è necessario intervenire in maniera accurata, senza solventi che rischierebbero di compromettere la porosità della pietra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.