Cronaca

Caso Civello, si chiede il “non luogo a procedere”

Si sono tenure nella giornata di ieri le  arringhe dei difensori del professore Massimo Ignazio Civello, gli avvocati Michele Sbezzi e Giovanni Grasso, e di un’infermiera, l’avvocato Santino Garufi. Il processo è ormai alle battute finali il processo riguardo l’operazione “A.L.P.I. Iblee” che il 13 gennaio del 2011 portò agli arresti domiciliari il professore Civello, 63 anni, all’epoca direttore della Chirurgia Generale all’Ospedale Civile di Ragusa. Dopo tre ore di arringhe, la difesa ha chiesto il “non luogo a procedere, ilGup, Giovanni Giampiccolo, deciderà il prossimo 17 dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.