Attualità

Il Pd si Scicli esprime solidarietà al consigliere Aquilino

Il Pd di Scicli esprime la solidarietà alla città che subisce in silenzio e s’impegna affinché atti vandalici, soprusi e – non è certo questo il caso – intimidazioni non diventino attività ‘ordinarie’ o strumenti per manifestare rabbia o disagio, o ancor peggio “occasioni” per dimostrare “chi conta”. E lo fa con l’impegno costante nei luoghi dove si esprime la partecipazione alla vita di una città, sia esso la piazza o gli scranni del consiglio comunale, nell’impegno propositivo o anche alla manifestazione di dissenso verso chi e tutto ciò non è diretto al ‘bene comune’ ed agli interessi della città. E questo nella massima trasparenza e senza nascondersi vigliaccamente o stupidamente dietro l’anonimato. Il riferimento del partito democratico è, chiaramente, all’azione vandalica, e si spera sia tale, ai danni del consigliere comunale, Giampaolo Aquilino. “Il disdicevole atto vandalico che ha danneggiato e offeso – non certo intimidito – qualora questo fosse stato il vero movente – dice il Pd – uno dei nostri consiglieri, ci induce decisamente a intensificare l’impegno del gruppo consiliare alla solidarietà concreta verso quanti subiscono, a vari livelli. Ovvero a richiedere all’Amministrazione ad esercitare il mandato amministrativo con chiarezza ed efficacia, in special modo nel presidio del territorio e nella fattiva presenza presso le aree del disagio dove nascono o attecchiscono queste deplorevoli forme di violenza. Il partito democratico, e i tanti concittadini che seguono con attenzione la vita politica e sociale della città, si stringono attorno a chi lavora per “costruire” e a chi lo dimostra con l’impegno e l’esposizione personale. E in queste occasioni senza equivoci e tentennamenti dimostriamo da che parte stiamo, quella della lealtà e dell’impegno civile, non certo dalla codardia o del malaffare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.