Comunicati stampa Ragusa Vittoria

Piero Gurrieri: “In bocca al lupo al nuovo presidente provinciale di Confcooperative”

Centrale il ruolo di Concooperative: il mio “in bocca al lupo al nuovo presidente provinciale. Ho partecipato all’assemblea provinciale di Confcooperative, tenutasi nella sala del “Poggio del Sole Resort” martedì 11 dicembre, e desidero complimentarmi con il nuovo presidente provinciale della confederazione, Gianni Gulino, eletto dall’assemblea e che succede all’attuale presidente regionale, Gaetano Mancini che ha retto quale commissario il livello provinciale nell’ultimo triennio. Ringrazio di cuore i vertici di Confcooperative per l’invito rivoltoci, che ci ha nuovamente consentito di apprezzare il peculiare e considerevole impegno che ha distinto l’azione di Confcooperative e che si può riassumere, anche se non certamente esaurire, in una costante attenzione al territorio e alle sue problematiche, in una iniziativa di interlocuzione continua con le istituzioni pubbliche e le amministrazioni centrali e locali e in una promozione – in sinergia con gli altri settori ed enti della cooperazione sociale e della solidarietà – dello sviluppo locale. Confcooperative, in questo modo, è stata e rimane protagonista in tutti i territori nei quali è radicata ed impegnata, insieme naturalmente alle altre confederazioni come la Legacoop e l’Agci, che meritano anch’esse apprezzamento. Desidero inoltre, anche a nome del Sindaco e della Giunta Municipale, rivolgere un cordiale in bocca al lupo al presidente eletto, Gianni Gulino, certo che saprà garantire non soltanto alla confederazione ma anche, mediatamente, al nostro territorio, lo stesso impegno che ha contraddistinto positivamente l’azione del suo predecessore, Gaetano Mancini e da quanti lo hanno collaborato a partire da Luciano Ventura. Sono certo che il presidente eletto saprà in particolare indirizzare il proprio impegno nella direzione tracciata proprio da Mancini nel suo intervento introduttivo, quando ha opportunamente segnalato la necessità che il movimento cooperativistico concorra quale protagonista alla nascita e al consolidamento anche nel nostro territorio provinciale di una classe dirigente adeguata a gestire le opportunità aperte dai nuovi scenari infrastrutturali ed economico-produttivi, anche in modo da poter dare le necessarie risposte alla crisi anche occupazionale di questi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.