Attualità

Indagata la Minetti e Renzo Bossi: cene di lusso e altre spese a carico di …..

Cene di lusso in diversi ristoranti milanesi, iPad e il libro “Mignottocrazia”. Tutte spese “per la politica” pagate coi soldi pubblici dalla ex igienista dentale, stando alle carte dell’inchiesta della Procura di Milano. La ex igienista dentale, già indagata nel secondo filone del Processo Ruby, avrebbe usato i soldi pubblici per prendere taxi molte volte e pagare cene in ristoranti milanesi di lusso. Inoltre, stando alle carte dell’inchiesta portata avanti in questi mesi dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo e dal pm Paolo Filippini, la Minetti malgrado sebbene avesse già un Ipad in dotazione ai consiglieri regionali, ne avrebbe acquistato un altro al costo di 750 euro. Tra le spese “per la politica” anche “400 euro” per “sei coperti” al ristorante “Giannino” e persino l’acquisto di un libro che la riguardava: “Mignottocrazia”, costo 16 euro. Da quanto si apprende, anche il figlio del Senatùr, Renzo Bossi detto “il Trota” figura tra gli indagati nell’inchiesta della procura di Milano. Secondo le carte dei magistrati milanesi, coi soldi del gruppo consiliare lombardo della Lega Nord, avrebbe comperato numerosi acquisti di videogiochi, sigarette e bibite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.