Attualità Scuola

Concorsone e prove ridicole. Da Profumo una stangata alle speranze di giovani ed ex: lettera aperta di Piero Gurrieri ai concorrenti

Tantissime amiche ed amici hanno partecipato questa mattina al “Concorsone” dopo essersi duramente preparati tra una lezione, una correzione di compiti e tutti gli impegni familiari. Con la speranza, malgrado i posti limitatissimi, di fare “bingo” anche se è paradossale definire “bing o” un lavoro sottopagato qui in Italia rispetto ad ogni altro Paese europeo. Per quasi i 3/4 dei concorrenti peró le illusioni si sono fermate alla prova di preselezione, per intenderci quella “logica”. Una bocciatura inspiegabile, come inspiegabili, inintelligibili sono, a quanto constato, gli esercizi logici propinati ai candidati e alle candidate. Ho una laurea, due abilitazioni, parecchi corsi di specializzazione e perfezionamento e ho pubblicato anche dei libri. Ma se avessi partecipato al Concorsone, sarei stato tra quelli incapaci di superare la prova logica. Considerato in conclusione un deficiente da S.E. il Ministro e quindi scartato. Cestinato. Rimosso senza neppure l’onore delle armi che si deve sempre a coloro che si sono spesi in una sfida impari e al limite della sopportazione umana. Come molti (tutti) i docenti che hanno partecipato. Io dico solo una cosa: si tratta di una autentica vergogna. Ma i tecnici come Profumo non rispondono a popolo. Dunque non possono “fisiologicamente” arrossire o provare imbarazzo alcuno. Tanto più che essi sono ben tutelati. E i loro figli o nipoti non sono certo costretti a calcare questi palcoscenici. Tutt’altro. Ma ne dico anche una seconda, di cosa. Nessuno si faccia ingannare dalla cresta dei tecnici. Manca poco alle elezioni: optate per chi ritenete opportuno ma loro, i “tecnici”, mandateli a casa. Scarsa intelligenza. Scarsa capacità di ragionamento. Morale zero. Soprattutto questo. Ci saranno altre occasioni, penso. É dovere della buona politica e del prossimo Parlamento. Impensabile sarebbe relegare generazioni intere di giovani ed ex che hanno salvato dalle macerie la scuola italiana ai margini della società.

One thought on “Concorsone e prove ridicole. Da Profumo una stangata alle speranze di giovani ed ex: lettera aperta di Piero Gurrieri ai concorrenti”

  1. Ma sono impazziti tutti? I test di logica erano banalissimi, e il test nella sua globalità era davvero facile. E’ imbarazzante che 60 candidati su 100 non l’abbiano passato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.