Cronaca

Riprendono le ricerche del sub dopo la sospensione di ieri sera

Al calare della sera le ricerche in mare di Bruno Bufardeci,  cinquantantenne  ragusano, che la mattina di Natale si è recato da solo, a bordo del proprio gommone, nello specchio di mare antistante punta secca, per effettuare una battuta di pesca, sono state sospese, sono riprese alle luci dell’alba di oggi con l’impiego di sommozzatori dei vigili del fuoco e nuclei aerei per perlustrare dall’alto il largo.

L’uomo non aveva fatto rientro al Circolo Nautico di Punta Secca, cosicchè erano state attivate le prime ricerche dalle quali emergeva che il natante era ancora ancorato al largo e che a bordo non vi era nessuno. Allertati immediatamente i soccorsi, si facevano confluire sul posto per le ricerche in mare unita’ navali ed aeree della capitaneria di porto, personale della polizia di stato, carabinieri e guardia di finanza, nonche’ i sommozzatori dei vigili del fuoco di Catania e Palermo.

Nel tratto di mare segnalato è stato recuperato il gommone del disperso a bordo del quale c’erano i telefoni cellulari spenti e parte dell’attrezzatura; veniva inoltre rinvenuto il fucile da sub e la relativa telecamera dalla quale si rilevava che il sub aveva avuto qualche difficolta’ dopo aver infiocinato un pesce di grosse dimensioni. Stamane si e’ tenuta a Punta Secca una riunione tecnica tra le varie forze di polizia per fare il punto della situazione e pianificare gli ulteriori interventi necessari, secondo gli ambiti di competenza. Sono ancora in corso attive ricerche finalizzate al rinvenimento della persona scomparsa

Anche personale dei Vigilfuoco, su richiesta della Capitaneria di Porto di Pozzallo partecipa alle attività di ricerca del sub disperso al largo di Punta Secca.

Dal Comando di Catania è immediatamente intervenuto il nucleo sommozzatori, che ha avviato le ricerche immergendosi nell’area segnalata, l’area è inoltre perlustrata da natanti della C.P. e da velivoli.

Ieri sono arrivati sul posto gli uomini del nucleo sommozzatori di Palermo, oltre ad una squadra operativa del Comando provinciale di Ragusa, che con il personale delle altre forze dell’ordine ciascuno per le proprie competenze collaborano alle ricerche coordinate dalla C.P. di Pozzallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.