Attualità

Ticket sulle ricette e sui ricoveri e stop alle assunzioni nelle partecipate

Tra le misure introdotte dal governo regionale nella manovra finanziaria c’e’ anche un “contributo di solidarieta’” che incidera’ sui ricoveri ospedalieri. Lo ha detto il presidente della Regione, Rosario Crocetta, in una conferenza stampa a Palazzo d’Orleans. Per i redditi pari o superiori a 50 mila euro lordi e’ previsto un ticket giornaliero sul ricovero giornaliero di dieci euro, e per quelli superiori a 100 mila di 25 euro, con un massimo rispettivamente di 70 e 175 euro. Introdotto un ticket di un euro sulle ricette mediche. Ovviamente rimane l’esenzione per le categorie esenti. Un intervento che porterà circa 15 milioni di euro di entrate.

“Siamo -ha detto Crocetta- i primi a introdurre un principio di progressivita’ in base al reddito rispetto ai servizi erogati, in primi in Italia”. Sul fronte delle pensioni e’ previsto invece l’allineamento ai parametri nazionali per la reversibilita’ e il cumulo. “Tutti coloro che godono di un contratto collettivo della Regione dovranno adeguarsi a questi standard”, ha sottolineato l’assessore all’economia, Luca Bianci, secondo cui “sara’ un modo per togliere piccoli sprechi”.

La manovra finanziaria messa a punto dal governo Crocetta e’ “un pacchetto doloroso ma che avvia un percorso nuovo”.Ha affermato l’assessore regionale all’Economia Luca Bianchi, che ha illustrato stamattina ai giornalisti il bilancio provvisorio approvato ieri dalla giunta e che prevede risparmi per circa un miliardo di euro. “Chiederemo un sacrificio molto forte”, ha risconosciuto Bianchi, che ha assicurato: “Non ci sono tagli orizzontali”. L’assessore ha sottolineato l’attenzione dedicata a salvaguardare la spesa sociale e le risorse necessarie al cofinanziamento dei fondi europei.
“Le societa’ partecipate sono state un modo per aggirare le norme che pongono divieti per l’assunzione del personale. Stiamo cercando di fuggire dalle partecipate perche’ erano nate per risparmiare e in realta’ ci costano il triplo”. A dirlo il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, rispondendo ai giornalsiti sul destino della societa’ “Sicilia e-Servizi spa” che si occupa della gestione dei servizi informatici della Regione. “E’ chiaro -aggiunge Crocetta- che questa cosa va risolta. Si potrebbe -ha ipotizzato- sciogliere la societa’ liberando il personale che potrebbe essere assorbito succesivamente da un’altra ditta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.