Evidenza

Il parroco di Crocetta lo “sconfessa” e il Governatore replica

Don Luigi Petralia, parroco di Gela, sente il bisogno di esternare le proprie idee sul Presidente Rosario Crocetta. Parla delle sue considerazioni definendole (dice lui) di carattere biblico e teologico. Naturalmente il Presidente ha subito replicato.

“Le sue uscite fuori luogo, caro presidente Crocetta – scrive il parroco di Santa Lucia – mi sono sinceramente nuove, ripeto, completamente nuove. Mi dispiace, ma sono affermazioni da showman piuttosto che da politico o da cristiano-politico”. “Sono temi molto seri e già risolti all’interno della Chiesa cattolica, la quale – prosegue la lettera di don Petralia – non attende soluzioni dall’on. Crocetta, non essendo egli né biblista, né teologo, né per altro titolo competente in queste questioni”. Intervistato dai cronisti, il sacerdote ha aggiunto che “con queste affermazioni, il governatore Crocetta si è posto fuori dalla Chiesa cattolica”. “Potrà essere perdonato in confessione e rientrarvi solo se dimostrerà non solo a parole ma nei fatti di essersi sinceramente pentito di quello che ha detto”.

Don Luigi Petralia, parroco di Gela e confessore personale del presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, sconfessa lo stesso governatore in merito alle dichiarazioni etico-religiose rilasciate mercoledì scorso a “La 7”, nella trasmissione “Le Invasioni Barbariche”,

La replica di Crocetta

“E’ irrituale e persino offensivo che un parroco entri in questo modo nella libertà di pensiero di una persona. Mi sembra una specie di bolla contro Lutero”. Così il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, replica al parroco di Gela.

Don Luigi Petralia, poi manifesta stima a Crocetta per il suo “operato di liberazione dal potere mafioso e affaristico della Sicilia. Non solo – scrive ora don Luigi – la rinnovo ma non e’ mai stata messa in discussione anzi noi siamo piu’ uniti di prima in questa battaglia. Le precisazioni, riportate sulla lettera, erano e sono unicamente di carattere biblico e teologico”.

 

Ecco cosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.