Attualità

Latte, buone notizie per gli allevatori iblei

“Finalmente arrivano buone notizie per gli allevatori iblei”.  Positivo e determinante intervento a Palermo dell’on. Orazio Ragusa. L’Assessore Regionale delle Risorse Agricole ed Alimentari, Dario Cartabellotta, ha emanato il “decreto salva-quote”: un provvedimento chiesto ed atteso per scongiurare il taglio delle quote a quegli allevatori, soprattutto iblei, che, negli ultimi due anni di commercializzazione, hanno dovuto ridurre le loro produzioni per la fredda applicazione delle rigide norme emanate dall’Unione Europea e regolamentate dal Governo Nazionale. L’allarme era scattato lo scorso 25 gennaio a seguito della pubblicazione del Decreto 7 novembre 2012, col quale il Ministero Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha sancito il taglio dei quantitativi  non prodotti per gli allevatori, con produzioni inferiori all’85% della quota, che si erano già avvalsi, nella precedente campagna, della deroga prevista dall’art.72 del regolamento n.1234/2007.

Sulla questione si erano  attivate le Organizzazioni Agricole e della Cooperazione e si era registrato un articolato documento del Distretto Lattiero Caseario che, attraverso il presidente Enzo Cavallo, ha più volte sollecitato l’intervento dell’assessore Cartabellotta teso a certificare i “motivi di forza maggiore” che avevano imposto l’abbattimento della produzione, ampiamente dimostrati dal tavolo tecnico regionale riunitosi lo scorso 14 febbraio presso la sede dell’assessorato e nel corso del quale determinante è stato il ruolo del Dr. Giorgio Carpenzano, Capo dell’Ispettorato Agrario Ibleo.

Dopo l’ulteriore riunione di martedì scorso, nel corso del quale i rappresentanti delle Organizzazioni e del Distretto avevano riproposto  il problema, oggi, l’on. Ragusa, da sempre sensibile alle istanze dei produttori, ha contribuito a chiarire gli ultimi elementi in discussione e a mettere l’Assessore Cartabellotta nelle condizioni di firmare ed emanare il Decreto necessario per ammettere gli allevatori interessati alla deroga di cui al predetto art.72.

“Dario Cartabellotta ha mantenuto l’impegno assunto, con me e con il segretario provinciale del’Udc Pinuccio Lavima. Insieme anche ai rappresentanti delle associazioni di categoria siamo riusciti a superare taluni aspetti di natura prettamente burocratica, contribuendo a restituire tranquillità a quegli allevatori che, oltre agli effetti della grave crisi del momento, si erano trovati costretti a fronteggiare le conseguenze di norme non sempre rispettose delle reali esigenze di chi fa impresa e di chi fa attività zootecnica” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.