Modica Politica

Antonello Buscema al Presidente Crocetta… dacci i soldi

Insieme all’Assessore alla Cultura Annamaria Sammito, questa mattina il sindaco di Modica Antonello Buscema ha scritto una lettera-appello al Presidente della Regione Rosario Crocetta, perché possano essere sbloccati, nel contesto di un rilancio della politica culturale inaugurata dal neo-governatore, tre importanti opere pubbliche, che valgono un finanziamento per la nostra città – in chiave occupazionale, economica, architettonica, culturale e turistica – di ben 1.612.000 euro.
Questo il testo della lettera:

A tutti è evidente che l’abbrivio della Sua presidenza ha segnato un tale scarto con le stagioni passate da renderci finalmente orgogliosi di essere siciliani e di essere ben rappresentati e ben amministrati. Questo segno di cambiamento, che dà speranza si è già fatto realtà, oltre alla vicinanza politica e alla comunanza di valori che ci vede impegnati sulle stesse identiche battaglie e con il medesimo stile, sebbene a livelli diversi della pubblica amministrazione, ci spinge a rivolgerci a Lei confidando che saprà comprendere l’urgenza del problema che con la presente intendiamo rappresentarle. E che non riguarda solo il nostro Comune di Modica ma l’intera Sicilia.

In un momento di gravissima crisi per l’occupazione giovanile e di sostanziale mortificazione delle potenzialità dello sviluppo economico della nostra isola, legato ai beni culturali e al turismo, Le sollecitiamo un intervento immediato per sbloccare i fondi europei – per la gran parte già stanziati e assegnati – che le realtà territoriali attendono da troppo tempo in questi settori.
Il nostro caso ci sembra esemplare. I fondi europei PO FERS 2007-2013 destinati a Modica ammontano a 1.612.000 euro, finanziati nell’ambito dei Beni Culturali nell’Asse III linea d’intervento 3.1.3.2. (Completamento Palazzo dei Mercedari € 580.000), linea d’intervento 3.1.3.3 (progetti Modica Art System € 502.000 ed I art, in cui il Comune di Modica, in qualità di partner, beneficia di € 30.000) e nel PSR misura 313 per l’ Incentivazione di Attività turistiche (Progetto Trinacria Itinerari, destinato alla riqualificazione della parte demaniale nord di Cava Ispica € 500.000, ammissibile a finanziamento).
Nei primi tre casi, si tratta di progetti presentati alla naturale scadenza (ottobre-novembre 2010): le risposte sono arrivate soltanto nel maggio del 2012 per il primo e a febbraio del 2013 per gli altri due. Del primo, relativo al Completamento del Palazzo dei Mercedari, nonostante un continuo monitoraggio della fase istruttoria a Palermo con la consegna degli esecutivi e di tutta la documentazione occorrente, si attende ancora il decreto di finanziamento. Gli altri due progetti, dichiarati finanziati come pubblicato nell’avviso della G.U.R.S. n. 7, parte I dell’ 8/02/2013, hanno subito un incomprensibile sospensione del finanziamento a causa della rimodulazione dei fondi europei esercitata dal tavolo ministeriale.

Fino ad oggi, dunque, tanto lavoro ma nessuna concretezza per attivare gli esecutivi e procedere con i bandi di gara.
Per questo motivo, carissimo Presidente, ci rivolgiamo a Lei affinché tutto l’impegno, l’entusiasmo e la forte volontà di progettare un territorio appetibile per la promozione turistica e culturale non venga vanificata.
L’iter burocratico è ancora troppo lento e i decreti ancora non arrivano nonostante tutte le rassicurazioni dei funzionari regionali. Attorno ai progetti, soprattutto a quelli relativi all’Asse III e alle sopracitate linee d’intervento per l’architettura e l’arte contemporanea, ruota il mondo giovanile siciliano, ruotano speranze, investimenti, ruota il nostro futuro in un momento così delicato per l’occupazione giovanile.

I finanziamenti al momento sospesi – e non ci riferiamo soltanto ai progetti del Comune di Modica, ma naturalmente a quelli di tutta la Sicilia – sono una grande risorsa per l’occupazione giovanile e non vanno penalizzati. Ci siamo sempre lamentati che la Sicilia non è riuscita a sfruttare appieno i fondi europei per mancanza di progetti. Ora che i progetti ci sono, che sono stati consegnati alla fine del 2010 visti ed esitati favorevolmente dagli organi regionali, anche se con tantissimo ritardo e comunque giudicati ammissibili a finanziamento e dichiarati finanziati tramite la G.U.R.S., ci vediamo privati di quelle poche certezze che siamo riusciti a costruire in questi ultimi tre anni, i più difficili per il nostro Paese. L’appello vuole essere forte e corale: parte da Modica ma coinvolge tutta la Sicilia e soprattutto il mondo giovanile che ha bisogno di vedere concretizzati quei sogni che attraverso una buona amministrazione si sono trasformati in progetti.
Questa volta, davvero, non possiamo rispondere loro che mancano i fondi per trasformarli finalmente in realtà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.