Comunicati stampa

Il Pd di Scicli rilancia e sfida l’amministrazione

A questo punto rilanciamo!

Nei giorni scorsi abbiamo assistito alla gestione tragi/comica della vicenda relativa ai siti culturali di Via Penna da parte dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Scicli che, come abbiamo successivamente appreso, solo il 28 marzo ha reso una direttiva (la n.36) per bandire la gara pubblica per l’affidamento del Palazzo Spadaro, della Chiesa Santa Teresa e del Gabinetto del Sindaco, cosa che è avvenuta il successivo 29 marzo!

Nelle stesse ore si sono utilizzati i Lavoratori di utilità collettiva (Luc) per riaprire temporaneamente i siti sopra citati, dopo che l’inadempienza portata alla luce dal nostro Partito ne aveva posto all’attenzione la chiusura avvenuta lo scorso 28 febbraio (allorchè era scaduto l’affidamento pubblico), adottando uno strumento nella fattispecie sicuramente discutibile (si è scelto di incaricare soggetti che vivono una difficoltà sociale in luogo di giovani studenti che avevano accumulato già un paio d’anni d’esperienza nel settore), ma che hanno garantito l’obiettivo auspicato: la riapertura dei siti al pubblico.

Da tutto ciò, pertanto, è facile desumere che la chiusura che ha caratterizzato altri siti culturali presenti nel territorio di Scicli (dall’amministrazione Venticinque sino a quella Susino) non è più giustificabile.

La Villa Penna, il Convento della Croce (magari chiedendo un’autorizzazione alla Regione Sicilia – intanto – solo per la mera apertura), il Parco di Chiafura nella parte che è già fruibile, come del restola Chiesadella Consolazione (che il Fai ci ha ricordato quindici giorni fa), ola Chiesadi San Michele (tornata nell’oblio dopo la restituzione della Matrice), possono essere resi fruibili in tempi brevi e, comunque, già nella stagione in corso.

L’Amministrazione comunale utilizzi pure i Lavoratori di utilità collettiva o altri rimedi che la vicenda dei siti di Via Penna ha dimostrato perseguibili in tempi brevi per garantire una fruizione temporanea dei luoghi citati, si da ampliare l’offerta turistica ai visitatori della nostra città.

Nelle more che tutto ciò avvenga, ovviamente, non ammetteremo ulteriori ritardi per la predisposizione di  bandi di gara che, come questa vicenda ci ha insegnato, si possono approntare in meno di 24 ore.

Gruppo consiliare Partito Democratico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.