Curiosità dalla rete

ll Papa parla dei “tifosi” e spiega come si raggiunge la “gioia” vera

Grande appassionato di Calcio e assiduo spettatore delle partite della squadra argentina del San Lorenzo, Papa Francesco ha proposto oggi un paragone tra i credenti e i tifosi di una squadra di calcio, partendo dal racconto evangelico dello stupore della folla per la guarigione dello storpio operata da San Pietro in nome di Cristo e dallo stupore dei discepoli di fronte all’apparizione di Gesu’ risorto. “Lo stupore – ha affermato il Papa – e’ una grazia grande, e’ la grazia che Dio ci da’ nell’incontro con Gesu’ Cristo. E’ qualcosa che fa si’ che noi siamo un po’ fuori di noi, per la gioia” ma “non e’ un mero entusiasmo, come quello dei tifosi quando vince la loro squadra”, bensi’ “e’ una cosa piu’ profonda”.  Per Papa Francesco, la cui omelia e’ stata diffusa dalla Radio Vaticana, si tratta dell’esperienza interiore di incontrare Gesu’ vivo. “Questo stupore – ha detto – e’ l’inizio dello stato abituale del cristiano”. Certo – ha osservato il Papa – “non possiamo vivere sempre nello stupore. No, davvero, non si puo’. Ma e’ l’inizio. Poi, questo stupore lascia l’impronta nell’anima e la consolazione spirituale”. E’ la consolazione di chi ha incontrato Gesu’ Cristo. Dopo lo stupore, dunque, c’e’ la consolazione spirituale e alla fine, “ultimo scalino”, c’e’ la pace. “Sempre, un cristiano – ha sottolineato Papa Francesco – anche nelle prove piu’ dolorose, non perde la pace e la presenza di Gesu'” e “con un po’ di coraggio” puo’ pregare: “Signore, dammi questa grazia che e’ l’impronta dell’incontro con te: la consolazione spirituale”e al pace. Una pace che non si puo’ perdere perche’ “non e’ nostra”, e’ del Signore: la vera pace “non si vende ne’ si compra. E’ un dono di Dio”, percio’ – ha concluso – “chiediamo la grazia della consolazione spirituale e della pace spirituale, che incomincia con questo stupore di gioia nell’incontro con Gesu’ Cristo. Cosi’ sia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.