Acate Evidenza

Catturato ad Acate per l’omicidio della ex fidanzata, il Giudice lo condanna all’ergastolo

Condanna all’ergastolo per Loris Gagliano il giovane che in preda ad un raptus di gelosia, il 27 dicembre del 2011 a Licodia Eubea, uccise a coltellate l’ex fidanzata, Stefania Noce, e il nonno della ragazza, Paolo Miano, di 71, e ferito in maniera non grave la moglie di quest’ultimo, Gaetana Balliro’. La sentenza e’ stata emessa dal Gip del tribunale di Caltagirone Marcello Gennaroi che ha giudicato Gagliano col rito abbreviato e ha accolto la richiesta del procuratore della Repubblica Francesco Paolo Giordano. Gagliano, 24 anni, assassino’ con diverse coltellate Stefania Noce, sua coetanea, la insegui’ fino in casa e la trafisse mentre lei gridava aiuto. Poi si avvento’ contro il nonno, Paolo Miano, 71 anni, che invano cerco’ di armarsi di un fucile da caccia custodito in un armadio. Si salvo’ per caso la madre della ragazza che al momento dell’aggressione omicida si trovava nella caserma dai carabinieri per denunciare una manomissione dei freni della sua auto, avvenuta la notte precedente. Interrogato dai militari Loris Gagliano fece delle ammissioni parziali sul rapporto che lo legava a Stefania Noce: due giorni dopo in carcere confesso’ di avere deciso di ammazzare Stefania e la madre, accecato dall’ira che era scaturita dalle minacce di denunciarlo per il sabotaggio della vettura. Gagliano ha anche confessato di avere tentato, poco prima di essere catturato ad Acate, il suicidio con il gas di scarico dell’auto: non ci riusci’ perche’ il motore della Ford Ka si spense.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.