Attualità Cultura

Scicli al Museo del Costume è di “moda” il libro antico

Sabato 13 aprile sarà inaugurata a Scicli la mostra dal titolo “Filoni e vergelle. Tra le carte del libro antico”. L’iniziativa è curata dal Museo del Costume e dall’Archivio Storico dell’Opera Pia Carpentieri, ed ha come tema centrale la storia del libro. Ogni fondo, archivistico o librario, oltre al testo ha la sua storia come insieme e come singoli manufatti. Con questo taglio si mettono in mostra numerosi manoscritti che abbracciano un intervallo temporale abbastanza ampio (s. XV-XX) ben rappresentato nelle diversità tipologiche. A questi si aggiungono alcuni libri di particolare pregio e interesse anche dal punto di vista della storia siciliana. E’ un doppio viaggio tra la confezione del libro e le caratteristiche delle carte al fine di far “riconoscere” al visitatore la ricchezza di informazioni che un esemplare può donare agli occhi e alla mente di chi conosce i codici investigativi. La mostra non si propone di tracciare alcun percorso ma solo di “annnotare” e guidare occhi solitamente attenzionati a curiosare nel tratto per riconoscere parole e contenuti per rintracciare altro, riconoscere altro, notare altro e stupirsi di questo. Un’altra sorpresa e un altro tesoro che viene restituito dall’analisi dell’Archivio Storico dell’Opera Pia Carpentieri. La mostra sarà inaugurata sabato 13 aprile alle 19 presso il Museo del Costume e l’Archivio Storico dell’Opera Pia Carpentieri, a Scicli in Via Mormina Penna 65, e rimarrà aperta al pubblico sino al 4 maggio 2013. All’inaugurazione interverranno Giovanna Giallongo, curatrice della mostra, Filippo Papaleo, presidente dell’Opera Pia Carpentieri, e Claudia Giordano della Soprintendenza di Siracusa, la quale, per l’occasione, presenterà l’Associazione Italiana dei Conservatori e Restauratori degli Archivi e delle Biblioteche, le sue finalità e i suoi programmi. La mostra fa parte delle iniziative del mese del libro organizzate a Scicli, aderisce alla Giornata Mondiale del Libro del 23 aprile, e si avvale del patrocinio dell’Associazione Italiana dei Conservatori e Restauratori degli Archivi e delle Biblioteche, della Rete Museale della Cultura Iblea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.