Curiosità dalla rete

Sesso in cambio di affitto gratuito! Qualcuno combatte così la crisi

“Ho bisogno di mini appartamento e persona discreta con cui condividere affitto in zona centrale. Sconto in cambio di sesso”. Da una mail è nata una telefonata. Poi un appuntamento al bar. Dopo diversi imbarazzi ecco l’appartamento, la stanza, il conteggio dei rapporti. “Quante volte al mese?”. Dipende
Per avere quella ragazza si va su internet, ci si affida ad una bacheca virtuale, un portale di annunci. E la si trova. Perché se decine e decine sono i messaggi di maschi che cercano e che ogni giorno vengono pubblicati da portali conosciuti e rispettabili, parecchie sono le risposte delle ragazze.
Ecco ad esempio la ricerca di “Marco”

dall’Abruzzo, studia Giurisprudenza a Roma, ha 23 anni.

“Offro a studentessa una stanza doppia, costo 270 euro. Per il pagamento chiedo solo prestazioni sessuali”. Marco racconta che l’idea è nata ascoltando dei suoi amici:  “Ci sono dei miei amici che lo fanno, hanno delle ragazze in casa. Sono studentesse pure loro. Solo che facendo sesso risparmiano sull’affitto. Io sto in una camera grande. C’è un letto a una piazza e mezza.
Un caso isolato? No. “Non si può dire quanti siano gli universitari che alimentano questo mercato – dice Giulia Serventi Longhi, direttrice di Studenti Magazine – ma dal nostro sito Studenti. it abbiamo lanciato due forum per sapere se in ateneo c’è chi usa il corpo per fare soldi. Pensavamo ad una provocazione, ci hanno risposto in tantissimi. C’è chi ha l’amico gigolò, chi la compagna che fa la camgirl e si spoglia davanti alla webcam. Se non si hanno problemi di coscienza, l’affitto in cambio di sesso è una strada percorribile”. Olmeno così a qualcuno sembra!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.