Cronaca

Matrimoni “combinati” in provincia di Ragusa, un rinvio a giudizio

Primo rinvio a giudizio per l’inchiesta “Agenzia matrimoniale”per il marocchino Mohamed Qantar, 32 anni, l’unico delle 36 persone indagate che fu arrestato e che si trova tuttora detenuto. L’operazione fu conclusa nel novembre del 2011. Si tratterebbe di un consistente numero di matrimoni “combinati” tra cittadini italiani e maghrebini residenti in Italia. Complessivamente nella lista ci sono venti italiani, residenti tra Modica, Scicli, Pozzallo, Giarratana, Ragusa e Caltanissetta, e diciassette marocchini. L’organizzazione, gestita da extracomunitari a Modica e nel circondario, avrebbe avuto il ruolo di trovare un coniuge locale, nella maggior parte dei casi una persona indigente, a maghrebini in scadenza di permesso di soggiorno per farli congiungere legalmente, in modo tale da fare ottenere il rinnovo automatico del titolo di soggiorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.