Evidenza

Ars finanziaria rivoluzionaria: scioglimento Iacp, soppressione Esa, ecc.

E’ corsa contro il tempo per l’approvazione in Sicilia di bilancio e finanziaria: il tempo scade il 30 aprile. La maratona sulla manovra in commissione Finanze dell’Ars ieri si e’ conclusa nella notte, intorno alle 4. Sono stati trattati gli emendamenti al ‘testo base’ presentati dal governo e dai parlamentari. E domattina alle 10,30 i lavori riprenderanno con l’esame degli emendamenti aggiuntivi e del maxi-emendamento presentato nei giorni scorsi dal governo, tentando di dribblare i 1.600 emendamenti. L’appuntamento in Aula e’ invece alle 16 per la discussione generale da chiudere in giornata.Sulla Formazione viene confermata la strada dello stralcio delle norme dalla finanziaria, recuperando i corsi del vecchio mega-bando ‘Avviso 20′, in attesa di una interlocuzione con Roma e Bruxelles. Nel corso dei lavori della commissione, e’ stato chiesto e ottenuto il ritiro delle norme che prevedevano l’introduzione di un ticket sui farmaci e sui ricoveri ospedalieri. “In questo momento – dice Baldo Gucciardi, presidente del gruppo Pd all’Ars – non si possono chiedere ulteriori sacrifici ai siciliani. Vedremo se il governo riformulera’ le proposte e modifichera’ i criteri e i parametri, ma se tutto resta cosi’ com’e’, saremo contrari a questi ticket dovessero essere riproposti in aula”. La seconda commissione ha inoltre approvato alcune norme che prevedono garanzie occupazionali per i lavoratori forestali. Domani in commissione si discuteranno diverse proposte; fra queste, lo scioglimento degli Iacp e l’affidamento dei compiti ai nascituri Consorzi di comuni; l’istituzione di Cantieri di lavoro per il recupero delle strutture scolastiche in Sicilia; la soppressione dell’Esa e di altri enti di settore con l’accorpamento delle funzioni in un unico istituto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.