Comunicati stampa Politica

On. Ragusa: “Adesso dico basta!”

“Ci sono situazioni in cui non si può non prendere posizioni forti a sostegno
di chi sta combattendo una causa drammatica come quella di perdere il diritto
alla propria abitazione”. Così sottolinea Orazio Ragusa che è pronto a
sostenere con ogni mezzo Angelo Giacchi e tutti coloro che, oggi, soffrono a
causa di un sistema che ha perso ogni considerazione per la persona e per i
lavoratori in difficoltà”.

“La casa all’asta è sicuramente un avvenimento drammatico nel quale si vedono
sfumare via anni di sacrifici. Non solo. Si è perfettamente consapevoli che la
propria vita sta cambiando. Anzi, è già cambiata. Drasticamente”. “Quella per
il diritto all’abitare è una battaglia di civiltà che ha a che fare con la
dignità dell’uomo prima e della tutela del cittadino poi”. Angelo Giacchi, noto
imprenditore agricolo di Vittoria, da ieri ha iniziato uno sciopero della fame
dopo aver appreso che la propria casa sarà messa all’asta mercoledì prossimo.
“Troppe persone hanno visto la loro azienda o la loro casa essere stata portata
via e, in molti casi, svenduta senza poter far nulla”.  Assieme alla perdita di
quelle proprietà vengono meno anni di sacrifici e lavoro. “Quando nei luoghi
della politica ho sollevato, più volte, questa problematica mi è stato sempre
risposto che la società, nel suo insieme, con queste procedure di messa all’
asta dei beni e proprietà dei debitori, salvaguardia un principio fondamentale
che gli permette di funzionare: i debiti, in qualche modo, vanno pagati. Se non
ci fosse questa salvaguardia crollerebbe tutto il sistema”.

“Adesso dico basta! Non accetto più queste risposte perché la situazione è
drammatica. Con questi metodi i creditori arrivano a ricavare molto meno di
quanto sarebbe giusto e a volte, addirittura, nulla, i debitori, invece, sono
gettati in strada e solo una piccola cerchia di persone si arricchisce
sfruttando la situazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.