Comunicati stampa

Fondazione Architetti, confermato alla presidenza Gaetano Manganello

Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Arch – Studi e ricerche architetti nel Mediterraneo si è riunito in assemblea, nella sede dell’Ordine degli architetti di Ragusa, per l’attribuzione delle cariche statutarie. E’ stato confermato nella carica di presidente Gaetano Manganello. Vicepresidente sarà Pietro Maltese, tesoriere Anna Fidelio mentre Laura Baragiola è stata confermata segretario. L’intero Consiglio di amministrazione della Fondazione, scelto dal Consiglio dell’Ordine degli Architetti e dall’assemblea degli iscritti all’Ordine degli architetti, è composto da Laura Baragiola, Vittorio Battaglia, Cristiana Cannistrà, Anna Fidelio, Antonio Giummarra, Pinella Guastella, Pietro Maltese, Gaetano Manganello e Viviana Pitrolo,

La Fondazione Arch – Studi e ricerche architetti nel Mediterraneo, istituita per iniziativa dell’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Ragusa, ha come scopo la valorizzazione, nell’ambito provinciale, regionale, nazionale e internazionale, della disciplina dell’architettura e della professione di architetto.

“La Fondazione Arch riveste un ruolo particolarmente importante di supporto e promozione delle iniziative culturali che l’Ordine degli architetti regolarmente propone” spiega l’architetto Gaetano Manganello, presidente della Fondazione. “Ringrazio i componenti del precedente consiglio di amministrazione per l’opera e l’impegno profuso, sono particolarmente soddisfatto della nuova composizione del consiglio – continua Manganello – si è formata una squadra che lavorerà insieme per la promozione del ruolo dell’architetto nella nostra società e dell’importanza che rivestono le azioni rivolte a far conoscere a tutti cosa significa architettura di qualità, salvaguardia del paesaggio e dei nostri beni culturali”.

La Fondazione Arch, in continuità con quanto già realizzato insieme con il Focus Cultura dell’Ordine degli architetti (da ricordare la Primavera dell’Architettura lanciata nel 2010/2011, Architettura Oggi nel 2012 e Incontri di architettura nel 2013), elaborerà a breve un programma di nuove iniziative che contempla la promozione di mostre, dibattiti, incontri culturali, oltre all’istituzione di corsi di formazione e attività di ricerca di supporto per l’aggiornamento professionale e per l’ottenimento dei crediti formativi che saranno operativi dal 2014.

Inoltre la Fondazione si vuole porre come soggetto interlocutore degli enti pubblici della provincia, al fine di predisporre studi e ricerche per la valorizzazione del nostro territorio.

“Nella nostra realtà territoriale – dice ancora il presidente Manganello – si ha bisogno di approfondire problematiche molto importanti, basti pensare agli interventi dei campi fotovoltaici sul territorio agricolo, ai progetti nelle zone E dei Prg, vincolate dal Piano paesistico, agli interventi di riqualificazione per i centri storici della provincia, agli auspicabili interventi di rigenerazione urbana e paesaggistica. Il territorio è un bene che si consuma e tutti gli interventi debbono essere improntati al massimo rispetto e alla valorizzazione dell’esistente, anche attraverso gli strumenti del progetto e dell’architettura contemporanea di qualità”.

E’ necessario creare nuove sinergie tra i vari soggetti che operano sul territorio: imprese private, associazioni di categoria, Comuni, Provincia, Soprintendenza e Genio civile, associazioni ambientaliste, partiti politici, la società civile nel suo insieme, tutti devono concorrere, attraverso il confronto, alla trasformazione del territorio. La Fondazione Arch, con le sue iniziative culturali, si impegnerà al massimo per sensibilizzare la società civile verso questo obiettivo di riqualificazione, che non è soltanto del nostro paesaggio fisico e materiale ma anche del nostro paesaggio culturale e immateriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.