Attualità Vittoria

Angelo Giacchi, in arrivo migliaia di aste giudiziarie e aumento della disoccupazione giovanile

Riceviamo e pubblichiamo una missiva di Angelo Giacchi:

Neanche il tempo di rientrare a casa, dopo la sospensione dello sciopero dalle fame che si è protratto per 4 lunghi giorni e che mi ha visto dormire in macchina, davanti la Prefettura di Ragusa che arriva un altro macigno.

BANKITALIA rende noto il report dell’ economia siciliana: DA RABBRIVIDIRE !
I dati che vengono sviscerati, sono agghiaccianti.
Nei soli primi sei mesi del 2013, sono stati licenziati 65.000 dipendenti, la disoccupazione giovanile dai 15 ai 24 anni è salita al 55%, le esportazioni hanno subìto un crollo pari al 17,9%, il mercato immobiliare è bloccato, le aziende registrano ancora cali nei fatturati, le sofferenze bancarie sono arrivate a 1 miliardo di Euro, con un incremento del 18%, dato per due volte superiore alla media Nazionale, il credito alle imprese da parte di Banche e Società Finanziarie che cala ancora del 3% ed un saldo negativo tra imprese avviate e chiuse di ben 1.900 aziende.
Dopo aver letto questi dati, non mi resta che fare una sola considerazione, siamo tutti con le spalle al muro e si sta distruggendo l’intera economia della nostra amata Sicilia.
Ma dove si vuole arrivare ????
Fra qualche anno i dati snocciolati sopra, significheranno altre centinaia e centinaia di ASTE GIUDIZIARIE che investiranno a tappeto aziende, famiglie, giovani.
Ci ritroveremo nuovamente con i Tribunali pieni di azioni giudiziarie e soprattutto con il rischio di rivivere drammi come quello del Sig. GUARASCIO oppure come quello della famiglia Pacetto o come quello di Giacchi.
Io a questo stillicidio di imprese, famiglie, lavoratori e giovani, NON CI STO !!!!
Mi batterò con al fianco tutti quelli che vorranno farlo, affinchè le nostre aziende storiche e floride di un tempo, ritornino a vivere e a ridare la possibilità a centinaia di lavoratori, di riappropriarsi di un posto di lavoro che gli consenta di vivere serenamente insieme ai propri familiari.
Faccio appello a tutta la gente per bene che ha fatto del lavoro onesto e della famiglia, i pilastri fondanti della propria vita, di scendere in campo, di non avere pudore a raccontare la storia personale di non avere vergogna per tutto quello che si sta vivendo.
Devono vergognarsi altri che hanno provocato la fine di storie imprenditoriali importanti e storiche per la nostra provincia e che sono state aziende leader sia nei mercati Nazionali che Esteri.
Correte ai ripari classi dirigenti siciliane
Solo risanando e rimettendo in moto le aziende storiche cariche di esperienza e conoscenze, si potrà ripartire e ridare migliaia di posti di lavoro, solo ridando serenità alle famiglie, si spegneranno i focolai di disperazione e rivolta, solo procurando un posto di lavoro ad un uomo si eviterà che lo stesso scelga la strada dell’illegalità.
Sono certo che ancora ci sono tante persone per bene, oneste e che hanno a cuore le sorti delle famiglie e della società in cui vivono.
Spero di incontrarne tante, in questo percorso difficile, ma sono certo che insieme a loro, riusciremo a risolvere gli innumerevoli problemi che stanno vivendo le nostre famiglie.

Angelo Giacchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.