Attualità Pozzallo

Il centro di Pozzallo esplode di immigrati. Ammatuna: “Siamo abbandonati, restituirò la fascia tricolore”

Allarme del sindaco di Pozzallo Luigi Ammatuna sulla situazione del centro immigrati  che da circa un mese ospita 700 stranieri a fronte di 180 posti. “La situazione – ha spiegato – e’ precipitata. Da noi sono transitati ad oggi piu’ di 5.000 immigrati. Il nostro e’ un centro di primo soccorso da cui le persone dovrebbero essere subito trasferite, ma restano settimane e mesi”. Il primo cittadino ha denunciato la solitudine in cui sarebbe stato lasciato il Comune: “All’inizio avevo vicino le istituzioni, prefetto, forze dell’ordine, provincia. Da un mese a questa parte siamo soli, c’e’ un silenzio assordante. Tutti ci hanno abbandonato. Nessuno sente il bisogno di capire casa accade”. Ha proseguito Ammatuna: “Oramai vengono trasferiti a Pozzallo anche i migranti che arrivano a Lampedusa e a Siracusa. La citta’ adesso e’ stanca e numerose famiglie protestano e manifestano timore”.

“Chiedero’ un incontro al ministro dell’Interno che ha avuto la ‘sensibilita” di venire a Siracusa, ma non a Pozzallo. Siamo dopo Lampedusa il Comune che riceve piu’ migranti, ma Alfano ci ha ignorati e non ha sentito il bisogno di interessarsi a noi. Se io non vedro’ in questi giorni un segnale diverso, andro’ a Ragusa a consegnare al Prefetto la fascia tricolore, declinando ogni responsabilita’. Cosi’ ci pensera’ lui”. E’ la protesta del sindaco di Pozzallo Luigi Ammatuna che ha denunciato la grave situazione al centro di accoglienza dove sono stipati 700 immigrati e di essere stato lasciato solo “a gestire un fenomeno che ha creato preoccupazione e apprensione nella cittadinanza”. Il primo cittadino ha anche chiesto piu’ forze dell’ordine, ma sarebbe stato ignorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.