Attualità

Crocetta: “In Regione c’e’ un sistema del saccheggio”

Nell’apparto della Regione siciliana “c’e’ un sistema del saccheggio”, denuncia il presidente Rosario Crocetta, che ribadisce l’impegno del suo governo per invertire la rotta e combattere il malaffare. “Laddove c’era l’autorizzazione c’era lo scandalo del ‘pizzo’ a volte, laddove c’e’ la formazione c’e’ intreccio interessi che coinvolgono sistema politico, sistema imprenditoriale deviato e burocrazia”, ha detto Crocetta, ospite di una tv locale all’indomani dell’arresto di 13 funzionari regionali e 2 imprenditori accusati di aver dirottato su conti correnti privati pagamenti della Regione per forniture all’assessorato alla Formazione.  Crocetta ha fatto il caso di una gara bandita in precedenza dall’Asp di Palermo per 75 milioni, e ora rimodulata a 35 milioni. “C’e’ una differenza 40 milioni. A chi andavano a finire? Era solo un errore formale o c’e’ altro? La verita’ e’ che si stanno scoperchiando delle cose”, ha affermato il governatore, convinto che “piu’ inchieste emergono piu’ il sistema comincera’ ad autocensurarsi, capira’ che non e’ piu’ il momento dei ladri”. Tuttavia, ha avvertito Crocetta, “non bisogna criminalizzare tutta la burocrazia regionale. C’e’ una parte sana che denuncia”. Ma “il sistema e’ malato”. Il presidente ha citato, con la formazione, anche la sanita’: “Basta adeguarsi agli standard e risparmieremo 200 milioni di euro senza tagliare servizi ai cittadini. Possiamo escludere che in questo sistema malato possa insinuarsi la corruzione?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.