Curiosità dalla rete

Come trovare l’uomo perfetto

Al gentleman odierno non sono richiesti comportamenti da etichetta vecchio stile ma una buona educazione di base, un po’ di disponibilità e affidabilità. Ma trovarne uno sembra una “Missione impossibile”. Il nostro esperto Traverso (uno psicologo, uomo) insegna: 5 segnali per distinguere il vero gentiluomo da un cafone mascherato, 5 regole sull’atteggiamento giusto da adottare con lui e infine 5 consigli per educare il tuo partner attuale.
L’identikit del gentiluomo:

1. Sei al centro della sua attenzione
Che tu sia in tuta o fasciata da un abito sexy, ha sempre lo sguardo rivolto a te. Ti guarda molto, è attento ad ogni sfumatura, ma soprattutto percepisce immediatamente imbarazzi e disagi. Se non ti senti bene o non gradisci la compagnia nella quale ti trovi, non avere dubbi: ci penserà lui a farti sentire a tuo agio.

2. Ha voglia di farti felice
Fin dai primi incontri, vedrai come le poche cose che conosce di te le userà a tuo vantaggio. Sei allergica ai crostacei o non ti piace il pesce? Gli basta saperlo e anche in riva al mare troverà un ristorante con verdure o carne, senza che glielo ricordi ogni volta.

3. Per te c’è sempre
Gli mandi un sms o attivi whatsapp mentre è in riunione? Nessun problema per lui: si allontanerà e nell’arco di dieci minuti ti risponderà.

4. Non insisterà mai, né brucerà le tappe
Che siano questioni di sesso o di week end da trascorrere insieme, sarà propositivo, anche passionale, ma con un tatto e una delicatezza che ti sorprenderà ogni volta di più.

5. Non lesina sui gesti affettuosi
Non ama le smancerie, piuttosto è sempre pronto a darti una tenera carezza sul capelli, un buffetto sulla guancia o a sfiorati la mano sfiorata: come a dire, io ci sono.
L’atteggiamento giusto con lui:
1. Non avere fretta
Non pensare che un uomo attento e premuroso sia gay. Forse non ti salterà addosso al primo appuntamento, ma quando lo farà, ti avrà portato prima una rosa rossa o avrà stappato la migliore bottiglia della sua collezione. Quindi, cosa c’è di male? Doveva forse dimostrarsi solo un assatanato?

2. Accetta il corteggiamento
Gli uomini sentono la mancanza di questa fase di tregua: se pensano che tu hai in testa solo il sesso, molti di loro fuggiranno, e quelli che rimarranno non saranno di certo dei romanticoni ad oltranza.

3. Accogli le sue insicurezze
A volte il corteggiamento nasconde dubbi su di sé: evita di sollecitarlo. Ma tante altre volte sarà un rito, datato fin che si vuole, ma che trae origini dalla storia dell’umanità. Cosa fanno gli animali? Si annusano. Ovvio che non siamo tali, ma se il profumo lo inebria, se l’odore della pelle lo fa andare in estasi, lasciagli il tempo di acuire il suo desiderio.

4. Fallo sentire unico
Che tu abbia avuto uno o cento amanti, mai e poi mai fargli sentire il peso del paragone. Perché lui con te non lo farà mai, anzi. Farà sempre di tutto per farti sentire speciale, una spanna sopra le altre, imparagonabile e insostituibile.

5. Apprezza le sue attenzioni
Dalle piccole alle più grandi, non sminuirle sottolineando che non sei abituata, magari ridendo imbarazzata. Per lui fanno parte del suo modo di essere. Vedila come una buona occasione per farti coccolare sinceramente e per imparare a lasciare il giusto spazio ai gesti del galateo. Accettali con il sorriso, anche se sono anacronistici o nuovi per te.

(d.repubblica.it)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.