Attualità Scicli

Enzo Giannone: “Ma che c’entra la sinistra riformista con Renzi e con il vuoto post-tutto che rappresenta”?

Capisco che la politica sia oggi, berlusconianamente, molta immagine e poca o nulla sostanza… e che Renzi, proprio per questo motivo, probabilmente vincerà le primarie del PD… Ma io, riformista da sempre, sento a pelle che da quelli come Renzi mi separano incolmabili distanze culturali e politiche… Ma che c’entra la sinistra riformista con Renzi e con il vuoto post-tutto che rappresenta? A quale sinistra riformista si può richiamare una vera e propria propaganda di vago e vecchio sapore interclassista, con qualche coloritura liberale, come appare quella renziana? Tra capitalismo o neo-capitalismo – causa della crisi peraltro – e lavoro, continua a passare il discrimine del vero riformismo progressista: e Renzi non mi pare stia dalla parte del lavoro. Stavolta sono d’accordo con Massimo D’Alema. «Vedremo come sarà questo budino», ha concluso D’Alema, replicando alle parole di Renzi ieri a Che tempo che fa, «quello che si annuncia fin qui non è particolarmente brillante». «Trovo nella sua propaganda – ha sottolineato – l`eco di un tardo-blairismo: l`idea cioè, molto di moda negli anni `90, che la sinistra debba nutrirsi di valori liberali. Poi abbiamo avuto la crisi del capitalismo selvaggio e oggi il dibattito culturale è su un`altra onda. Trovo quindi che l`impostazione politico-culturale di Renzi sia vecchia»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.