Attualità Scicli

Confermati 20 anni di reclusione per l’uxoricida Massimo La Terra

La Corte di Assise di Appello di Catania ha rigettatto, dichiarandolo inammissibile, l’appello dello sciclitano Massimo La Terra,  che nel gennaio del 2012 uccise la moglie Rosetta Trovato. I Giudici confermano così i 20 anni di reclusione per l’uxoricida che uccise la consorte nell’ abitazione  Via Simeto a Scicli. Secondo le indagini svolte dai carabinieri, La Terra aveva aggredito la moglie, stringendole con forza  il collo fino a  soffocarla. Il reato è aggravato dal fatto di avere adoperato sevizie, perché il decesso è avvenuto a seguito di una lenta asfissia mediante azioni di strozzamento e di strangolamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.