Attualità

Tra l’aeroporto di Comiso e quello di Catania il Governo Crocetta sceglie quello ibleo

Tra l’aeroporto di Comiso e quello di Catania è evidente che il Governo Crocetta sceglie il primo. E’ noto, infatti, che la stessa apertura di Comiso è avvenuta grazie anche a un indispensabile sostegno economico regionale.  Da Catania, invece, si lamentano perché non è stata prestata la stessa attenzione .Dopo il voto del Parlamento europeo, che ha escluso l’aeroporto di Catania dalle grandi reti di trasporto trans-europee, il deputato regionale Toti Lombardo del Pds-Mpa ricorda che l’Ars aveva approvato una mozione del suo gruppo per sollecitare un intervento del governo regionale teso a scongiurare questa evenienza, e attacca: “Per quanto e’ dato sapere, non solo Crocetta non si e’ attivato, ma addirittura il governo regionale non e’ stato presente alla conferenza di Tallin nella quale si sono prese le decisioni sulle reti trans-europee. Anche in questo caso, le nostre sollecitazioni sono cadute nel vuoto. L’assenza del governo regionale in questa vicenda -afferma Lombardo- quindi di una gravita’ enorme perche’ in prospettiva rendera’ difficile investire per lo sviluppo strutturale dell’aeroporto e del suo indotto e perche’ nell’immediato comporta inevitabilmente una perdita di valore della struttura in vista della privatizzazione di cui sempre piu’ insistentemente si parla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.