Comunicati stampa Ragusa

Gianna Dimartino, “Positiva l’approvazione della Legge contro il femminicidio, cyberbullismo e stalking”

Alla vigilia della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, che si  celebrerà  il prossimo 25 novembre, così  interviene Gianna Dimartino, Responsabile del Settore Pari Opportunità del Movimento  Territorio :“ Registriamo in Italia un risultato positivo: l’approvazione della Legge 15 ottobre 2013 n. 119 detta “ Legge contro il femminicidio, cyberbullismo e stalking”, in ossequio ai dettami europei e ai contenuti della sottoscritta Convenzione di Istanbul, che prevede e disciplina una serie di diritti e garanzie a tutela delle vittime di reati. Il fenomeno del femminicidio è divenuta una piaga sociale sempre più diffusa in Italia con dati statistici  allarmanti  che parlano di 728 casi tra il 2000 e il 2011, 124 casi nel 2012 e ben  81 casi solo nel primo semestre 2013. La gravità del fenomeno  impone a tutte le Istituzioni di muoversi  celermente ed efficacemente per sensibilizzare ed educare il più possibile la collettività, a partire dalle  giovani generazioni, e mettere in campo mirate azioni di contrasto, anche perché la Legge in oggetto, affronta la violenza di genere solo da un punto di vista penale, emergenziale e di pubblica sicurezza, mentre  è importante avviare parallelamente un percorso di sensibilizzazione e informazione in quanto esso è un fenomeno culturale, politico e strutturale. Sottolineo che violenza sulle donne non è solo quella fisica, ma anche quella virtualmente  strutturale e psicologica,  quale ad esempio la negata possibilità di conciliazione dei tempi, la mancanza di servizi adeguati alle esigenze primarie e familiari, il difficile accesso al lavoro e alla carriera professionale, le disparità di trattamento. E’ indispensabile ,quindi, realizzare azioni concrete di Pari opportunità, a cominciare dai Piani triennali di azioni positive, unitamente a  misure di sostegno alla conciliazione dell’attività lavorativa e familiare delle donne, ponendo particolare attenzione ai tempi della città e potenziando i servizi primari, tra cui asili nido, mense scolastiche, strutture ricreative per ragazzi, maggiore sostegno alle famiglie che ospitano ed accudiscono un anziano, migliori trasporti pubblici, flessibilità oraria ,ecc. In quest’ottica abbiamo stimolato  un Ordine del giorno che i nostri Consiglieri di riferimento, presenteranno al Consiglio comunale di Ragusa proprio giorno 25 novembre.

“ In tale prospettiva, aggiunge la responsabile Pari opportunita’ della Lista “Ragusa domani”,Claudia Parrino, invitiamo le istituzioni locali a collaborare sinergicamente per  recepire ed attuare non solo i dettami della Legge n.119/2013, ma anche della Legge regionale n.3/2012, favorendo sul territorio locale l’applicazione di strumenti   educativi   e   di   sensibilizzazione,  a   partire   dall’età scolastica, al fine di diffondere la cultura dell’ uguaglianza, delle  pari opportunità e del contrasto alla violenza e a promuovere la reale applicazione delle Pari opportunità, trasversalmente a tutti i settori della vita sociale ed economica iblea. La giornata di domani ci permetterà ancora una volta di sottolineare l’importanza per le donne del diritto ad essere tutelate dalla Legge sempre e ovunque, ma anche la necessità di avviare una vera e propria rivoluzione culturale, che va amplificata il più possibile soprattutto nei luoghi più “frequentati” dalle donne, dove purtroppo si subisce più facilmente violenza: la famiglia, dove si consuma la percentuale più alta delle violenze sulle donne, e poi i luoghi di lavoro, dove regnano precarietà, bassi salari, mobbing, discriminazione, licenziamenti, tutti attacchi che mirano ad impedire alle donne di esprimere la propria soggettività e la propria specificità, costringendole spesso a rinunciare all’indipendenza economica che è il primo strumento per uscire dalla violenza e per affermare la propria identità come valore aggiunto indispensabile alla costruzione democratica della società”.

Le Responsabili Pari Opportunità di “Territorio” e “Ragusa Domani”, peraltro, facenti parte dell’Osservatorio interpartitico pari opportunità, mettono a disposizione di tutte le donne e della stessa Amministrazione, e di quanti volessero avvicinarsi  al già strutturato Gruppo di lavoro dei rispettivi Movimenti, con l’augurio  che il 25 novembre finalmente sia non la solita giornata da archiviare il più in fretta possibile, ma un momento di profonda riflessione e l’inizio di nuova progettualità.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.