Attualità

Giudice condanna Equitalia: “interessi da usura”

Arriva una condanna esemplare per Equitalia. Il giudice ha contestato gli interessi praticati. La Provincia di Ragusa è, purtroppo, “invasa” da cartelle esattoriali di Equitalia. Già diversi studi legali sono al lavoro per verificare se ci sono le condizioni per proporre analoghi ricorsi in Provincia di Ragusa. Il giudice di pace Luciano Civita è stato chiaro nel pronunciarsi rispetto a un ricorso per una cartella esattoriale.La provincia  è colpita da una crisi economica senza eguali e gli interessi delle more, il 20% all’anno, sono troppo alti “per l’attuale contesto sociale”. La toga spezzina ha spiegato il concetto nell’ambito di un procedimento in cui un residente lericino si rifiutava di pagare una gabella da 2 mila e 800 euro. Non solo. Ha indicato anche un limite temporale entro cui Equitalia non potrà vantare alcun interesse. Le multe andranno notificate a cadenza semestrale.

Non potranno rimare a giacere lì degli anni prima di comparire nella buca delle lettere degli spezzini. E questo per un motivo molto semplice: “Dilazionandosi ingiustificatamente l’arco temporale del recupero, aumenta il rischio che il credito non venga onorato dal debitore”.

La sentenza non è passata inosservata tra gli addetti ai lavori. Anche perché, senza esagerare, sono migliaia le gabelle di Equitalia che vengono notificate ben oltre la dead line dei sei mesi segnata da il giudice di pace spezzino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.