Politica

On. Ragusa: “Attenzione ai tagli delle Provincie”

“E’ possibile tagliare le Provincie ma bisogna stare molto attenti a non depauperare il grande
patrimonio costituito dalle competenze acquisite dai dipendenti e dalla buona gestione che questo ente ha riservato alla collettività ragusana. E’ solo il caso di ricordare che la Provincia di Ragusa, rispetto alle altre realtà
siciliane, si è distinta per sobrietà e per efficienza. La Regione ha avviato il processo di istituzione dei liberi consorzi comunali in sostituzione delle province regionali. E’ con queste premesse che sto svolgendo un attento lavoro,
all’interno della prima commissione all’Ars – dice l’on. Orazio Ragusa – in modo da coniugare l’esigenza di tagliare la spesa pubblica con quella di stare attenti a non “buttare” le cose buone che, specialmente in Provincia
di Ragusa, sono state realizzate.”

“In questa prima fase le attuali province regionali diventeranno liberi
consorzi comunali, con la stessa estensione territoriale, svolgendo le stesse
funzioni già di competenza delle province. I liberi consorzi saranno dunque
composti dai rappresentanti dei comuni delle rispettive provincie, saranno
operativi entro sessanta giorni dall’attuazione dell’entrata in vigore della
legge e, in questo frangente, gli attuali commissari straordinari saranno
prorogati solo per il tempo strettamente necessario ad insediare i nuovi organi.
Questi nuovi organi che nasceranno saranno:  l’assemblea, composta dai sindaci dei comuni
appartenenti al libero consorzio, il presidente, eletto dall’assemblea tra i
sindaci con il sistema del voto ponderato in rapporto alla popolazione, la
giunta composta da otto dei sindaci che fanno parte di quel consorzio. In una
fase successiva si procederà alla razionalizzazione degli enti regionali,
mediante la soppressione o accorpamento degli enti che svolgono funzioni in
tutto o in parte coincidenti con quelle attribuite o trasferite ai liberi
consorzi, evitando in tal modo duplicazioni o sovrapposizioni. Rimangono
certamente aperte numerose questioni a partire dalla gestione delle scuole di
competenza provinciale (quelle secondarie superiori), le strade e altri
elementi che il governo regionale sta analizzando attentamente con l’aiuto di
tutto il parlamento per cercare di conciliare l’efficienza governativa con il
bisogno di trovare maggiore celerità nelle procedure burocratiche e soprattutto
per creare risparmi notevoli in termini economici all’Ente Regione che sta
continuando a lavorare in un ottica di ottimizzazione della spesa pubblica.
Saranno razionalizzati (e in alcuni casi tagliati) tutti quegli enti, agenzie,
organismi le cui funzioni verranno assorbite dai liberi consorzi che, per
svolgere questi compiti, saranno dotate delle necessarie risorse finanziarie.”
Conclude l’ on. Ragusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.