Attualità Ragusa

Ragusa, si aspetta l’ufficializzazione del passaggio dall’Ato ambiente alla Società di regolamentazione rifiuti

Procede spedito l’iter dell’amministrazione comunale nella riforma del sistema di gestione dei rifiuti. L’ultimo capitolo consiste nell’ufficializzazione del passaggio dall’Ato ambiente (chiuso lo scorso 30 settembre) alla Società di regolamentazione rifiuti (SRR), voluta dalla Regione.

La Società di regolamentazione dei rifiuti è un consorzio di comuni iblei che si occuperà degli impianti come discariche, strutture di compostaggio ed impianti per il biogas. La SRR è diretta da un consiglio di amministrazione composto da cinque persone: Filippo Cavallo (vice-sindaco di Vittoria), Francesco Susino (sindaco di Scicli), Vito Fornaro (sindaco di Chiaramonte Gulfi), Federico Piccitto (sindaco di Ragusa) ed Ignazio Abbate (sindaco di Modica).

“Un passaggio di capitale importanza – ha dichiarato l’assessore all’ambiente di Ragusa, Claudio Conti – per una nuova e più razionale, e quindi economica, gestione dei rifiuti in provincia. La SRR rappresenta la conseguenza naturale alla costituzione degli Ambiti di raccolta ottimale (Aro)” ovvero la gestione integrata dei rifiuti in un territorio comprendente più comuni, territorio che sarà oggetto del nuovo bando d’appalto. La costituzione della SRR rende possibile “la pubblicazione – continua l’Assessore Conti – della gara d’appalto per l’impianto di compostaggio, bloccato da quattro anni, la presentazione del progetto dell’impianto di biogas da 12 milioni di euro, il cui finanziamento è stato promesso dal direttore del Dipartimento Regionale Rifiuti e permetterà la presentazione della modifica dell’AIA della discarica di Ragusa alla Regione, in modo da prolungarne la vita fino a fine 2014”. Un traguardo, assicura l’assessore Conti, che rappresenta le fondamenta indispensabili per poter raggiungere il 70% della raccolta differenziata porta a porta.

R. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.