Attualità

Immigrati: vertice Procure Sicilia orientale su inchieste sbarchi

In una riunione operativa i procuratori della Repubblica di Catania, Ragusa e Siracusa e i magistrati dei gruppi di lavoro per il contrasto dei reati sull’immigrazione clandestina, hanno fatto il punto delle indagini sugli sbarchi e delle prospettive future del lavoro investigativo. Della riunione, tenutasi ieri a Siracusa, da’ notizia oggi un comunicato della Procura di Catania. “E’ stato rilevato unanime consenso -vi si legge- sulle metodologie da impiegarsi in relazione al delitto di associazione e a quello di favoreggiamento dell’immigrazione”. Nella nota si precisa che “sono stati analizzati approfonditamente i profili di comune interesse riguardanti la giurisdizione, con riferimento all’applicazione delle convenzioni internazionali in materia, anche in questo caso raggiungendosi unanimita’ di vedute. Si e’ avuto, infine, un proficuo scambio di informazioni e di notizie sui procedimenti in corso e un’analisi sulle prassi applicative. Al tempo stesso -continua il comunicato- si e’ preso atto delle gravi difficolta’ che le forze dell’ordine e le strutture di accoglienza devono affrontare per poter svolgere il loro lavoro. Cio’ si riflette in primo luogo sulle condizioni di assistenza ai migranti; vi sono pero’ anche riflessi sulla possibilita’ di esercitare utilmente l’azione penale, derivanti sia dalla previsione come reato dell’immigrazione (il che comporta l’obbligo di assistenza difensiva e la necessita’ di esaminare i migranti con le garanzie difensive), sia dal rapido allontanamento degli stessi, privi di adeguato sostegno. Tale ultimo fenomeno -sottolineato i magistrati- vanifica la possibilita’, ad esempio, di espletare utilmente l’incidente probatorio e di consolidare il quadro probatorio nei confronti dei trafficanti”. Le Procure del distretto giudiziario di Catania infine confermano il loro “impegno prioritario per assicurare la punizione di coloro che sfruttano a fini di lucro il dramma della migrazione da luoghi di conflitto o di miseria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.