Attualità Evidenza Pozzallo

Navi da crociera a Pozzallo? Si può fare!

Le navi  di Msc Crociere  a Pozzallo.  E’ stato il tema dell’incontro tenutosi, lunedi  pomeriggio, nella stanza del Sindaco di Pozzallo. I presenti, rappresentanti delle categorie produttive e non, hanno convenuto che l’iniziativa é eccezionale e di grandissima valenza per tutto il territorio. Per i presenti “E’ necessario migliorare la capacità di ospitalità e farsi trovare pronti a questo grande appuntamento che potrà realmente cambiare le sorti turistiche della Provincia di Ragusa e dell’area barocca. Il coinvolgimento delle categorie produttive é importantissimo. Quindi occorre organizzarci tutti insieme per migliorare i nostri servizi puntando, allo stesso tempo, alla valorizzazione dei nostri prodotti locali”, inoltre, le associazioni di categorie hanno chiesto di essere coinvolte nella fase di redazione del progetto  per presentare ad Msc Crociere un progetto importante ed accattivante. Pozzallo, quindi,  potrebbe ospitare  navi da crociera con a bordo almeno 4000 passeggeri. Un sogno che potrebbe diventare realtà con benefici d’immagine ed economici per l’intera provincia. Un’occasione importante  da non lasciarsi scappare, non solo per lo sviluppo del territorio,  per creare nuovi di posti di lavoro. Se attraccasse a Pozzallo una nave da crociera ogni 10 giorni, con una media di 4 mila passeggeri, significherebbe 12 mila potenziali turisti al mese che  sbarcano nella cittadina marinara curiosi di visitare il territorio ibleo e disponibili a spendere. Certo questo ambizioso progetto ha bisogno anche di un altro attore per la realizzazione, l’intera classe politica e dirigente iblea,   che deve agire  nell’interesse della  collettività locale  per creare opportunità serie e reali di  sviluppo economico per la crescita del benessere sociale nella nostra provincia. “I luoghi del ragusano e del barocco hanno un valore davvero importante – hanno terminato i presenti – e spesso non ci rendiamo conto dell’immenso patrimonio artistico e culturale che ci circonda e che di deve permettere di puntare a creare una intera provincia che lavori per il turismo”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.