Politica Ragusa

La protesta dei Forconi, Lauretta: “Abbiamo incontrato gli operatori agricoli del territorio. Sono molto preoccupati”

Una delegazione di produttori agricoli (composta da serricoltori e da operatori zootecnici) è stata ricevuta nella sede del circolo “Pippo Tumino” del Partito Democratico di Ragusa. Gli agricoltori hanno manifestato preoccupazione e dissenso per la protesta programmata dal movimento dei Forconi a partire dal 9 dicembre. I produttori del settore agricolo hanno raccontato che rammentano con rammarico i gravi danni economici subiti in seguito ai blocchi effettuati nel gennaio 2012. I produttori agricoli hanno manifestato la propria preoccupazione per le conseguenze di una protesta che potrebbe comportare il blocco totale della produzione agricola, con totale deperimento delle primizie e con un conseguente enorme danno economico per le aziende già al limite del collasso economico per le difficoltà dovute alla crisi. “Le nostre aziende – hanno detto i produttori – saranno colpite nel momento di maggiore produzione e di attenzione relativa ai prezzi che in questo momento, approssimandosi le festività, il mercato può dare. Tutta la produzione di qualità rivolta al mercato interno e soprattutto al mercato estero sarà irrimediabilmente distrutta perché non si potranno rispettare i contratti di fornitura con i clienti esteri, mettendo in discussione anche i futuri contratti. Non ci sarà produzione agricola di qualsiasi genere che potrà salvarsi in quanto deperibile e quindi sarà mandata al macero oppure rimarrà ad ammuffire sulle piante apportando altri danni alle strutture serricole o alla zootecnia con la produzione lattiero-casearia”. I produttori agricoli, pur comprendendo le motivazioni che hanno originato la protesta, non possono accettare di essere messi in ginocchio e mandati al fallimento. “I produttori ci hanno ribadito – dice il segretario del circolo “Pippo Tumino”, Gianni Lauretta – che questa non sarà una protesta adatta allo scopo ma una guerra fra poveri, perché a perdere saranno il lavoro e le aziende e non la casta politica come nelle intenzioni dei Forconi”.
Il circolo “Pippo Tumino” del Pd di Ragusa esprime, quindi, solidarietà a tutti i produttori auspicando che possano esserci dei margini di trattativa con le preposte autorità per non creare danni e tensioni che possono anche degenerare. “Crediamo – continua Lauretta – nel ruolo delle autorità che speriamo possano svolgere al meglio tutte le azioni possibili per scongiurare ripercussioni a tutti i livelli riportando il confronto entro i limiti del civile senso di responsabilità. Il circolo “Pippo Tumino”, altresì, condanna la pubblicazione di messaggi, che stanno girando in rete, da parte di irresponsabili, procurando allarmismi, terrorizzando e facendo presagire scenari molto preoccupanti, messaggi che dovrebbero essere oggetto di attenzione sempre da parte delle autorità competenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.