Comunicati stampa Modica

Modica, nasce la “Global Union of Young Artists” per promuovere giovani talenti

Da un’idea di Giacomo Caruso, giovane jazzista modicano, laureato al Prins Claus Conservatorium di Groningen, è nata – con sede legale a Modica – la Global Union of Young Artists, di cui Giacomo è anche il Presidente: si tratta un’associazione culturale non profit che ha lo scopo primario di promuovere il talento di giovani artisti provenienti da tutto il mondo.  Pur mirando all’integrazione di diverse forme artistiche all’interno delle sue iniziative, l’Associazione sta rivolgendo i suoi primi sforzi alla realizzazione di spettacoli musicali, jam session e workshop di musica jazz.  L’Associazione coinvolge attualmente circa 50 giovani musicisti che provengono da circa 20 Paesi di 4 diversi continenti, jazzisti tra i più premiati della scena musicale internazionale, padroni di linguaggi musicali molto moderni, contaminati da generi quali il pop sperimentale, la musica etnica, il drum and bass e l’hip hop.

Tutto ciò si traduce anche nella possibilità di realizzare un numero consistente di eventi ad un costo relativamente basso, anche in collaborazione con altre associazioni culturali già esistenti nel territorio, quale per esempio il “Thelonious Jazz Club”, ed altri organismi non profit, come AVIS Modica. Per il biennio 2014-2015 l’Associazione ha in programma iniziative volte alla promozione di giovani jazzisti e alla diffusione della cultura musicale jazzistica, attraverso iniziative itineranti in programma in Italia, Danimarca, Paesi Bassi e Lituania.

“La peculiarità degli scopi dell’Associazione – dichiara Giacomo Caruso – è quella di creare una rete, anche grazie alle risorse del web, tra i giovani artisti a livello mondiale. È questo un obbiettivo ambizioso, rispetto al quale non esistono precedenti, ma raggiungibile grazie all’esperienza mia personale e di altri studenti da me frequentati, non solo del conservatorio di Groningen, ma di diversi altri prestigiosi conservatori dell’Europa settentrionale, con i quali ho collaborato all’interno di diversi progetti di scambio didattico e attraverso la costituzione di una big band che si è esibita in numerosi festival internazionali di musica jazz (tra i quali ELBJAZZ Festival, Aarhus Jazz Festival e Swingin’ Groningen Festival)”.

 

Grazie al legame di Giacomo Caruso con la sua terra, il “First Act IT” di GUYA si svolgerà in Sicilia tra dicembre 2013 e aprile 2014.

 

Il debutto è previsto tra pochi giorni in occasione di Chocomodica 2013, evento realizzato con il supporto della Regione Sicilia, della Provincia Regionale di Ragusa e del Comune di Modica.

Sabato 7 dicembre 2013 alle ore 20.30 al Teatro Garibaldi di Modica si terrà il concerto del Giacomo Caruso Quartet, band internazionale attiva dal settembre del 2012, nata dal reciproco e profondo affiatamento musicale tra Giacomo e il sassofonista russo Sergej Avanesov, che ha in seguito coinvolto il contrabbassista americano Tyler Luppi ed il batterista russo Samvel Sarkisyan. Il repertorio della band consiste in arrangiamenti estemporanei di standard jazz e in composizioni originali scritte da ogni suo membro. La loro musica, poggiando solida sulla tradizione jazzistica, si libra verso avventurose escursioni in territori tra i più disparati: il pianismo free di Caruso, il fraseggio vorticoso di Avanesov, il lirismo gioioso di Luppi ed i beat moderni e complessi di Sarkisyan. Il loro approccio alla musica combina la libertà e la giocosità provenienti dalla tradizione della musica di Miles Davis, Ornette Coleman, Charlie Haden, Lee Konitz e Keith Jarrett, con gli elementi ritmici, melodici ed armonici provenienti dalla scena jazzistica contemporanea e da stili musicali piuttosto recenti come il funk, l’hip hop ed il drum and bass.

Domenica 8 dicembre 2013 alle ore 21 sempre al Teatro Garibaldi di Modica si terrà poi il concerto di Sanem Kalfa e George Dumitriu. Sulla strada verso la ricerca della propria identità musicale, Sanem (voce e loop) e George (chitarra e laptop) sperimentano utilizzando tecnologie innovative, come i loop e software per l’audio editing in tempo reale, e traendo ispirazioni da differenti culture musicali. Negli anni che li hanno visti collaborare all’interno di diversi progetti musicali, sono diventati esperti nell’uso di melodie proprie della musica tradizionale turca, che uniscono in maniera originale al jazz e alla musica brasiliana. Sanem Kalfa è la vincitrice del 44th Montreux Jazz Festival for Jazz Voice, con la leggenda del jazz Quincy Jones come Presidente della Giuria. George Dumitriu può vantare collaborazioni con personaggi di spicco del mondo del jazz: è parte della European Jazz Academy Big Band diretta da Peter Herbolzheimer, che si è esibita in tutta Europa con ospiti quali Benny Golson e Herb Geller, e ha inciso un album come co-leader del Rebop Unit, con ospite il sassofonista newyorkese Dick Oatts.

 

Oltre a questi appuntamenti, GUYA ha già in programma diversi concerti sia a Modica che in altre città della Sicilia, con l’intento di organizzare un vero e proprio festival internazionale di giovani artisti, accompagnato da jam session con i musicisti del territorio, che potranno così beneficiare dell’opportunità di un’esperienza di alto spessore artistico.

Già l’8 dicembre 2013, contestualmente al concerto di Modica, il Giacomo Caruso Quartet si esibirà al Jazz Club di Caltagirone, grazie ad un’intensa collaborazione che prevede già ben 6 appuntamenti con band promosse da GUYA, sulle 12 della rassegna musicale calatina, in programma fino a maggio 2014: le altre sono tra le più prestigiose del panorama italiano e vedono musicisti come Alessandro Lanzoni, Ares Tavolazzi, Orazio Maugeri e Seby Burgio.

 

Per i concerti di GUYA si ringraziano AVIS Modica, l’Antica Dolceria Bonajuto, la Sis e il Centro Seia, Ottica Cavallo, La Locanda del Colonnello, Cartoleria Sortino, la Macelleria Migliore Salvatore, Garaffa Abbigliamento e Dada Cafè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.