Politica

Gravissima denuncia del M5Stelle: “La Biblioteca centrale della Regione siciliana cade a pezzi”

La Biblioteca centrale della Regione siciliana cade a pezzi”. Così il Movimento 5 Stelle all’Ars denuncia le condizioni tragiche in cui versa la storica Biblioteca “Alberto Bombace”, nata il 15 novembre del 1782. Due interrogazioni firmate M5S, indirizzate al Governo ed all’assessorato ai Beni culturali, chiedono le ragioni di tale incuria ed incalzano le due istituzioni ad intervenire urgentemente. “Gli impianti di riscaldamento non sono funzionanti, l’impianto antincendio non viene revisionato da due anni, il piano di sicurezza e quello elettrico necessitano della messa a norma, ed i bagni sono privi degli essenziali presidi igienico-sanitari – dichiarano i due deputati 5 Stelle all’Ars Claudia La Rocca e Giorgio Ciaccio, primi firmatari dei due atti parlamentari – tutto ciò rischiando di rovinare per sempre il patrimonio inestimabile custodito nella biblioteca: manoscritti, opere a stampa del XV e XVI secolo ed una raccolta di periodici che rappresenta una delle più importanti emeroteche del meridione”. Insomma, una situazione catastrofica quella che si è presentata agli occhi dei due deputati durante l’ispezione di giovedì scorso. “Il personale e gli oltre novantamila utenti annui sono costretti a lavorare e studiare in un ambiente freddo, umido e non garantito dalle normali misure di sicurezza – incalzano i due deputati M5S – nonostante il programma degli interventi a titolarità regionale del PO FESR 2013 prevedesse uno stanziamento pari a due milioni di euro; fondi ormai dirottati dall’assessorato e che originariamente erano destinati al restauro della biblioteca regionale”. Infatti, lo stesso finanziamento è stato revocato dal dirigente generale dell’assessorato Beni culturali, con decreto n. 1474 del 4 giugno 2013, rimodulando il programma ed escludendo la biblioteca dall’agenda degli interventi. “Non possiamo disperdere tale ricchezza – concludono La Rocca e Ciaccio – ed il governo deve adoperarsi al fine di porre in essere gli indispensabili interventi di restauro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.